Ecco le novità della Brembo in tutte le classi

La casa bergamasca Bremboda cinque decadi al vertice del motorsport mondiale con la produzione di impianti frenanti ad alta performance, ha spiegato il suo Impgno per quella che sarà la 44° stagione nella classe regina del motomondiale: dalla pinza GP4 tutte dodici varie soluzioni (ipoteticamente una per squadra) per i dischi in carbonio. Brembo ha anche illustrato il lavoro dei suoi marchi Marchesini, SBS Friction e J.Juan, presenti in tutte le classi del Motomondiale.

STORIA DI SUCCESSO Grazie all’esperienza accumulata in 44 campioni del mondo in classe regina (MotoGP e 500) nel corso delle moto con freni Brembo hanno conquistato 33 campioni del mondo piloti, 34 campioni del mondo costruiti e trionfati nelle altre 500 GP con il protagonista della squadra principale, Brembo fornirà anche nel 2022 impianti frenanti personalizzati per tutti i 24 piloti che parteciperanno al 21° Campionato MotoGP, Classe introdotta nel 2002 in sostituzione della preferita 500. Il team 12 ha deciso di riconfermare un livello superiore di prestazioni, affidabilità e garanzia di sicurezza dei componenti dei freni anteriori Brembo: pinza freno, disco freno, pompa freno, pompa frizione e freno pad. Durante la tappa 2022, l’ampia gamma di soluzioni tecniche Brembo consentirà a ciascun pilota di personalizzare l’impianto frenante della propria moto in funzione del proprio stile di guida, delle caratteristiche del tracciato e della strategia di gara, combinando il meglio della le sue caratteristiche dei componenti dell’impianto frenante.


MotoGP 2021, Fabio Quartararo (Yamaha)

LA PINZA GP4 La maggior parte dei piloti continuerà a prediligere l’uso GP4, la nuova pinza a 4 pistoncini è dedicata al campionato MotoGP introdotta nel 2020: si è una pinza monoblocco in alluminio interamente traforata dal piede, con attacco radiale a 4 pistoncini. La pinza di riferimento è utilizzata dalla maggior parte dei piloti MotoGP, anche se è noto che continua a favorire l’utilizzo della pinza 2019 per questioni di assetto e diverse prestazioni della moto. Il GP4, altro essere contraddistinto da un design estremo – la presenza dell’ala sul corpo esterno – presenta un design innovativo: se si tratta di un morsetto amplificato con sistema anti-drag. La pinza è caratterizzata da un sistema che permette di amplificare la potenza frenante: questa particolarità, durante l’azione frenante, permette di generare una forza che se viene creata dalla pressione idraulica del liquido freni sul suo pistone. A parità di forza sulla leva del pilota quindi, la frenata coppia è amplificata. Il sistema anti-trascinamento permette una volta, grazie ad un comodo dispositivo, di ridurre fortemente il fenomeno della copiatura residua ed evitare il contatto con pastiglie e disco in assenza di pressione nell’impianto: questo evita la formazione di forze indesiderate che tendono a non rallentare involontariamente la moto.


GUARDA ANCHE

DISCHI PERSONALIZZATI Brembo ha fornito al team un’ampia scelta di dischi freno: sei geometrie del disco e una geometria del disco con le dovute specifiche di materiale (High Mass e Standard), per un totale di due soluzioni. La maggior parte dei piloti dovrebbe orientare i propri dischi da 340 mm, divisi tra High Mass (fascia alta) e Standard Mass (fascia di basso). Il team di Alcuni investe continueranno ad utilizzare i dischi Standard e High Mass da 320 mm. Dopo queste sei geometrie, anche il nuovo Brembo sarà a disposizione del team stesso da questa stazione e che verrà testato durante i test di Sepang e Mandalika: se ci provi un disco ventilato in carbonio con un diametro di 355 mm. La caratteristica di questo disco è la maggiore ventilazione che ha l’obiettivo di aumentare lo scambio termico e cinque minuti per ridurre la resistenza del disco. Se è una soluzione studiata ad hoc, affinché e il team possano utilizzarla in circuiti che se prefigurati molto severamente da impianti frenanti come Spielberg, Motegi, Sepang o Buriram. Questa soluzione è disponibile anche sulla versione del disco da 340 mm di diametro, che sarà introdotta nel 2021 in Austria: per quanto riguarda il disco da 320 mm e il disco da 355 mm, questo è l’unico disco, tutta gamma interna offerto da Brembo, che se si presenta sia in formato standard sia in formato ventilato, secondo le preferenze della squadra. Brembo sa che l’anidride carbonica assicura un triplice vantaggio: riduzione della massa non sospetta, coefficiente di attributo identico alla parte all’arrivo e evidenza del problema della coppia residua che possono affliggere i dischi in azione.

IL SENTIRE IN FRENATA Brembo, grazie a tutte le diverse tipologie di pompe freno, a disposizione del team in termini di interazione, è in grado di adattamento alla corsa se la “reattività” del comando in funzione del feeling del pilota. La vostra moto è inoltre dotata di un dispositivo di regolazione a distanza, utilizzato pilotando con la mano sinistra per regolare la posizione della leva del freno, anche con la moto in movimento. Brembo fa notare che un altro terzo dei piloti MotoGP usa regolarmente i fasti. Questa soluzione tecnica, introdotta da Brembo e Novanta con l’aiuto di Mick Doohan, permette l’attivazione del freno posteriore suggerendo una leva applicata al semimanubrio sinistro. Per via della variante della pompa con polline in uso nel 2022: la più diffusa è caratterizzata da un unico circuito della pompa e del pedale, utilizzando la pinza posteriore con relativo pistone. L’alternativa, invece, ha due circuiti separati, sebbene sia in grado di aumentarla grazie ai quattro pistoncini della pinza posteriore. Nel primo caso un sistema esclude l’altro, nel secondo caso non funzionerà contemporaneamente. Ulteriore variante della classica pompa pollice, e della pompa push&pull, introdotta nel 2019: progettata con un nuovo design ottimizzato per garantire la massima efficienza, ha una doppia funzione ed è attivabile se il pollice è indicizzato, al secondo preferenza del pilota L’utilizzo di questa pompa da parte dell’indice prevede l’alzata della sua camma con una rotazione di 180° rispettando all’uso al pollice: questo aumenta la modulabilità della diga della sua camma in fase di decelerazione.

HO LASCIATO IL GRUPPO Anche per la tappa 2022 i cerchi in magnesio forgiato Marchesini equipaggiano la maggior parte dei piloti della MotoGP, ben 8 team su 12. I cerchi Marchesini sono a 5 razze a Y o a 7 razze per quanto riguarda l’anteriore ea 7 razze per il posteriore. I cerchi Marchesini, marchio del Gruppo Brembo, ha dato alla moto un aumento di peso, favorendo l’accelerazione e la manovrabilità e il cambio di direzione e durante la fase più critica: quando si entra in curva con una frenata stretta, quando si attraversa la curva sollevando l’angolo di rollio (fine a 60°) e la curva del gas aperta, sempre con la moto inclinata. Dopo il gusto svolti a Jerez e Portimao, Brembo conferma la propria presenza come leader dell’impianto frenante anche nella categoria minore del Motomondiale. Il negozio bergamasco avrà il 100% della squadra con pinze, circa il 50% con disco in azione, 80% con pastiglie, 90% con pompe e poco meno del 50% con cerchi Marchesini ai 15 team di Moto2 e ai The 15th Moto3 il team proseguirà nel 2022. Anche SBS Friction e J.Juan, e grazie al marchio recentemente acquisito dal Gruppo Brembo, hanno dato un importante contributo al team Moto2 e Moto3. Nello specifico SBS Friction è leader nella progettazione, produzione e vendita di pastiglie freno aftermarket e accessori per moto, scooter, ATV/UTV, auto speciali e applicazioni industriali per J.Juan è leader nella produzione e produzione di freni in linea linee Metallica e la componentistica dell’impianto frenante per il set di moto.


Add Comment