Beach Volley, il quarto Beach & Park a Padova

Per Claudia Campo e Catia Piccioni ancorano un torneo positivo

Sport

Rimini
| 10:09 – 22 marzo 2022

Claudia Campo e Catia Piccioni
Claudia Campo e Catia Piccioni.

Domenica 20 marzo, Tappa Padova della Silver Series del campionato italiano di beach volley e rosa per la Coppia della Beach & Park San Marino formattata da Claudia Campo e Catia Piccioni. La formazione italo sammarinese ha ottenuto un buon quarto posto che si preannuncia come una delle finali nazionali più probabili della categoria.

Si giocava nello Spazio 21 di Padova e Campo e Piccioni, curiosamente, non hanno finito per affrontare tre delle quattro le formazioni (i suoi sedici registrati) che la società di casa aveva presentato ai nastri di partenza. Il Beach & Park Volley ha avuto un battendo improvviso a causa della formazione del Beach Volley Padova: per 2 a 1 (15/17 15/11 15/11) Sara Cecchetto e Laura Zago e con un più netto 2 a 0 (15/ 6 15/ 12) Sofia Materazzo e Roberta Migliarese. Fatale lo trova al terzo turno con la terza coppia patavina Giuditta Comis e Giorgia De Bortoli. Ne esce una sconfitta per 2 a 0 (9/15 12/15). Entra nel quarto giro del tabellone delle perdenti, le due romagnole si ritrovano di fronte ancora Cecchetto e Zago che ribattono ancora nettamente (15/13 15/8). Approvato in semifinale, non superando l’ostacolo della coppia che vincerà il torneo di format di Francesca Gottardi e Giulia Cabri della Lega di Beach Volley di Modena. Trovo tutto lì e il Beach & Park vende cara. Perdere 2 a 0 (12/15 15/17) ma non senza impegnare le avversarie. Con meno storia il finale per il terzo post in cui Claudia a Catia ha perdonato ancora per 2 a 0 (8/15 11/15) con le Padovane Comis e De Bortoli.

“In semifinale, il controllo della squadra di Modena abbiamo giocato bene e sbagliato poco ma loro hanno sbagliato ancor meno e sono state davvero perfette per tutta la partita. – Raccontano Campo e Piccioni dopo la chiusura del torneo. – Nella finalina per il terzo posto abbiamo difeso tanto ma, nella sustanza, non ci siamo mai adattate al gioco della padovana e non siamo riuscite a trovare le contromisure giuste. Tutto sommato lo consideravamo un torneo positivo, in cui avevamo giocato ben 13 set in un giorno. Siamo in forma ed esperiamo di continuare a migliorarci”.

Add Comment