Il campione di rugby Mauro Bergamasco si candida nelle liste del sindaco Giordani

Dopo quello dell’ex presidente del Padova Roberto Bonetto, Sergio Giordani incassa l’ok di un altro sportivo de peso. Stavolta ma non se è un imprenditore e leader milionario, che può piacere o non piacere, ma di un top player di uno degli sport più amati a Padova. Mauro Bergamasco sarà candidato con l’attuale sindaco alle elezioni amministrative. L’ex padovano rugbista, oggi 43enne mental coach e commentatore per Dazn, è uno dei più forti giocatori italiani di tutti i tempi, che insieme al fratello Mirco veste la maglia della nazionale da 17 anni, collezionando 106 presenze. Cresciuto a Petrarca, ha vinto i suoi scudetti con la Benetton e per i suoi campioni di Francia con lo Stade Francais. Se era ritirato nel 2015, ma oggi scende di nuovo nel campo, stavolta in politica e al fianco di Giordani. A spegare le ragioni è lui stesso con un post sui suoi profili social pubblicato nella mattina del 25 marzo, pochi minuti fa.

bergamasco

«Dopo trentun anni di rugby di cui quasi diciotto da professionista, continua a fare quelo che ho sempre fatto ma in un campo diverso: le linee ci sono ma non sono sempre ben visibili, i compagni di squadra sono fondamentali e spesso posso li scegliere; Rimane l’esigenza dell’avversario e per quanto riguarda l’arbitro, non ce n’è più un solo. La metafora sportiva e la sintesi di una carriera che il mio verde sarà divertente per l’atleta, allenerò ed educherà mio padre, il mio accompagnamento, nel supporto mentale (allenatore) e fisico (personal trainer) della persona che ho trovato in la formazione di tecnico sportivo, dirigente La figura operativa e decisionale con particolare attenzione alla persona in quanto racconto e alla sua naturale trasformazione personale. Ho deciso di fare un giro da tifoso, ho i mezzi a disposizione della mia squadra, esperienza e passione per camminare assieme, competenze in porta. Da qui la mia scelta di metermmi nasce a disposizione del territorio, al servizio di chi assieme a me che questo territorio sia custodito con ammirazione e stima, con occhio critico e amorevole».

Giordani

«Sono onorato e privilegiato dalla proposta coinvolta del fiduciario Sergio Giordani da parte lontana del gruppo di sostenere Padova e tutti i suoi cittadini nel suo cammino di crescita – spiega l’ex rugbista -. In questi anni Sergio è estato per tutti noi padovani un punto di riferimento in tempi difficili, una guida alla crescita e al progresso, un politico, con la P maiuscola, capace di conciliare e tanti che, come me, alla politica non credevano più. Lo ha fatto con lo spirito del vero sport innamorato della propria maglia che è la sua città. Lo ha fatto con dolcezza, sempre lontana dalle polemiche che circondano la costruzione delle condizioni, ma Padova ha finalmente conquistato la regola che le incombe in termini di competitività, rispetto dell’ambiente, innovazione e crescita. Il mio impegno in questa nonova partita è rivolto prevalento allo sport giovanile, in modo inclusivo e potenziato per le risate e l’opportunità che tutto il giovane ha indirizzato a mettere in campo ed esporre con forza e personalità. Lo sport in chiave femminile crede che sia il migliore dei dà il fine di permettere la massima espressione che i giovani atleti vogliono di poter utilizzare. Che lo sport torni ad essere fucina di campioni nello sport e nella vita attraverso il potenziamento della sua natura formativa ed educativa e che è la base sicura per un testo sociale inclusivo ed evolutivo. Nella società, nel rispetto dell’opportunità come occasione di crescita individuale e collettiva e di crescita delle relazioni.

Add Comment