Motomundiale, sospetta la patente ai piloti russi e bielorussi

Roma – A causa dell’invasione russa in Ucraina, sono arrivata novità anche per quanto è il mondo motociclistico. La Dorna ha infatti da poco comunicato ufficialmente la decisione presentata dalla FIM (Federazione Internazionale di Motociclismo) sulle sanzioni che sono ormai un comune denominatore in tutti gli sport per gli atleti russi e belorussia. Ebbene, nessuno, team o rappresentanti delle due nazioni interessate Posso partecipare a qualsiasi evento o attività della FIM. Inoltre In Russia, Bielorussia e Ucraina non ci sarà nessun evento per comunicazione contraria, eventualmente procedendo ad una riprogrammazione in un altro Paese.

La parola di Viegas

“Esprimiamo la nostra vicinanza e la nostra solidarietà a tutti coloro che stanno soffrendo per l’invasione russa in Ucraina – ha spegato il pResidente FIM, Jorge Viegas – Rimaniamo in stretto contatto con il nostro membro affiliato in Ucraina (FMU). Vorrei solleverà il Consiglio di Amministrazione della FIM, che ha deciso di adottare questa misura nell’interesse dello sport e del ritmo. La FIM, in qualità di promotore e organizzatore, ha annullato il concorso FIM previsto in Russia, Bielorussia e Ucraina. La decisione è stata resa nota in linea con le raccomandazioni e le dichiarazioni del Comitato Olimpico Internazionale adattate al nostro sport. La famiglia della FIM segue con grande tristezza gli sviluppi in Ucraina e nella speranza di una rapida e pacifica risoluzione”.

Add Comment