Basket, Serie A: Milano-Varese 95-77, Virtus Bologna-Reggiana 78-70

Dopo 16 minuti era già 25 i punti di vantaggio dell’Olimpia: troppa la differenza di valori in campo, finisce 95-77. Partita più tirata a Bologna, capocannoniere per un sontuoso Weems

Andrea Tosi, Francesco Pioppi

Derby senza storia al Foro. Milano domina e ritarda la fine del proprio cugino, Varese non può nulla coi suoi quintetti “sottotaglia” per contrastare la superiorità fisica del capolista che si riflette nella prova di tutti i suoi lunghi. Tarczewski, Biligha e Mitoglou, al momento di un’indisposizione che ha impedito a Giocare dall’ultima parte dovuta di Eurolega, fanno il bello e il cattivo tempo inside le due così che alcuni compagni, vedi Shields, Melli e Hall, possono permettersi Di riposare in campo per preservare energie in vista delle due partite di coppa. Invece i tre tenori Delaney, Rodriguez e Hines riposano in parterre insieme a Bentil nell’ottica di fatturato. Milano scatta via appropriazione degli errori al tiro di Varese che non vedeva il proprio tiro nel primo quarto: 3/20 con 0/8 della rosa che coach Roijakkers deve ribaltare portandolo in zona playoff. Al 10′ sul 20-6 la festa è già segnata. Nel secondo quarto Varese gonfia improvvisamente di 4/4 ma al turn se incontra un colpo e un tiratori dell’Olimpia: Datome, Daniels e anche Baldasso colpiscono da tre. Così esce a parziale di 17-2 che spinge i padroni di casa sul +25 (43-18 a 16′). Varese non offre molta resistenza, solo Woldetensae imbuca tre triple ravvivando l’attacco degli ospiti.

La pausa è 54-32 e ce ne sarebbe abbastanza per decreto il ko tecnico. Lo strappo vale solo per le statistiche e per aggiustare qualche percentuale al tira ache Milano ritocca un paio di massimi vantaggi al +35 (85-50) in scioltezza prima di alzare le mani dal manubrio. Pochi si convengono che Varese porti un 16-0 per rendere meno pesante la sconfitta quando l’Olimpia è sotto la doccia.

Milano Mitoglou 14, Tarczewski 13, Baldasso e Daniels 12

varese Woldetensae 18, Beane 14, Sorokas 11

Virtus Bologna-Reggiana 78-70

Il derby della Via Emilia sorride alla Virtus Bologna che supera la Reggiana e classifica la nona vittoria consecutiva in campionato, rispondendo subito a Milano, valanga il suo Varese in un altro derby di giornata. A trascinare i campioni d’Italia è soprattutto Kyle Weems, Miglior Marcatore dell’incontro (26 punti) e autore alsieme a Shengelia delle giocate che avevano rispedito al mittente i tentativi di rmonta di Cinciarini (12 assist) e compagni, fino a – Da 1 a 4 minuti dal fine dopo un lungo inseguimento. La Squadra di Coach Caja risulta essere in alto di giornata, riuscendo ad avere il miglior attacco della Serie A (88 di media) ampiamente sotto e sopra lo standard. Con Belinelli e Teodosic ancora ai box e Jaiteh tenuto a riposo, coach Scariolo sceglie il quintetto composto da Hackett, Cordinier, Weems, Shengelia e Tessitori mentre Caja, senza il suo goleador Olisevicius (16.2 pt) oltre Candi e Diouf, yes affida to Cinciarini , Larson, Strautins, Johnson e Hopkins. Protagonista assoluto del primo quarto è Weems che realizza 12 punti (3/4 da 2 e 2/2 da 3) e gli permette di stare in vantaggio (22-14 al 10′). Unahotels lotta in ogni modo, ma tremendamente fatica contro la difesa muscolare della Segafredo che la costringe a tragiche dal campo (7/27) ed esalta con la staffetta Pajola-Hackett su Cinciarini.

All’intervallo il divario resta comunque di 8 lunghezze (34-26) non un brutto afffare per Reggio, agevolata anche dalle 10 palle perse della Virtus. Con Hackett che esce in cattedra, Bologna sfiora anche il +12, ma la reazione ferma dai canistri da sotto di Hopkins ha in corsa gli Unahotels che si affaccia all’ultimo quarto sul -6 (55-49 al 31′) e pori grazie Johnson e Strautins hanno avuto la forza di arrivo finale a -1 (64-63 al 36′) spaventing i padroni di casa. A suonare la carica è, anchora una volta, Kyle Weems che completa un gioco da tre punti e dà equilibrio all’attacco. A chiudere i conti ci Shengelia che realizza il gancio il +7 a 36” dalla fine. Poi Hackett sigilla il successo dalla lunetta.

Bologna Weems 26, Shengelia 15, Hackett 12
emilia reale Johnson e Hopkins 14, Strautins 10.

Add Comment