Moto2, GP Mandalika Indonesia 2022: Mandalika vince Chantra, Vietti 2°. Gli highlights

ci voleva Somkiat Chantra stabilizzare un primate: per la cugino Volta nella storia a tailandese Un grande premio è arrivato dal Motomondiale. E con merito. Scattava dalla seconda riga col quarto tempo, no era nemmeno tra i favoriti eppure ha azzeccato la partenza e si è prigioniero a margine che fine gesture alla fine. La chiave del suo successo è che ci costringe a dimostrarlo prima di tutto che ci darà la possibilità di avvicinarsi. Non c’è riuscito “turbo Dixon” scattato dalla pole dopo un weekend in cui ha mostrato un ritmo molto veloce (tranne cadere al quinto concerto), non c’è riuscito nemmeno Sam Lowes Partito dalla prima fila ma finito “in riserva” presto. L’inglese, partito bien, si è fatto riprendere prima da Canet e poi da Vietti. Celestino è protagonista di una grande lotta, sempre all’erta, a terra, con un passo veloce e costante che lo ha portato sul secondo posto del podio. Senza il lotta iniziale con corsi (bel duello, spalla a spalla) il piemontese forse sarebbe arrivato più a ridosso del thai che ha potuto gestire un vantaggio di oltre due secondi (in a gara accorciata di tre giri

per via del brodo) e preparati con cura. Corsa difficile per il brodo soffocante ma buona gestione della gomma– Il commento di Celestino -. Abbiamo capito in fretta come andare veloci durante il weekend. Sono stati bravi al box ea casa abbiamo studiato a fondo il circuito”. Il pilota di Mooney VR46 tiene la prova del mondo con 9 punti di vantaggio il suo Aron Canet e sedici il suo basso.

Caduta per Corsi, Arbolino ottavo

Gara discreto tutto sommato di Arbolino, finito all’ottavo postoa partire dalla quarta fila. deciduo Corsi al quinto giro, sottrarre da sottolineare la Performance negativa di Pedro Acosta: Brutte qualifiche (scattava decimo) per il campione della Carica della Moto3 che ha sbagliato anche una penalità sul giro lungo per regime di bandiere gialle scaduto. In gara Acosta è rimasto intruppato senza riuscire a liberasi di avversari comunque ostici come Albert Arenas con cui ha ingaggiato un duello seghettato Un inizio complicato per il fenomeno inglese Devo aprire l’ancora

misura alla nuova categoria. Quando riuscirà a partere davanti sarà un brutto cliente per tutti.

Add Comment