Wolff sostiene Mazepin: “Meritava il sedile” – F1 Team – Formula 1

Nelle ultime settimane purtroppo la tragica notizia che tutta l’Ucraina, con l’invasione dell’esercito russo che continua ormai da oltre 10 giorni, ha portato al centro dell’attenzione dei media anche gli sportivi russi e la Bielorussia. Gli atleti dei paesi aggressori infatti in molte disciplina sono stati presi di mira da provvedimenti specifici che li hanno o banditi dalle competizioni o costretti a gareggiare sotto insegne neutrali. Nel motorsport, la FIA ha optato per questa seconda opzione, concedendo la possibilità ai singoli piloti di ‘disconoscere’ il funzionamento del governo stesso E firmerò un documento redatto dalla stessa Federazione che, sostanzialmente, condanna l’invasione del territorio ucraino da parte del Mosca.

C’è stato chi, vieni daniil kvyat Nel WEC, se si rifiuta di sottoscrivere queto messaggio di pace. Altri invece, vieni Nikita Mazepin in F1, non hanno nemmeno avuto una possibilità di scelta. Il Muscovita infatti è stato accompagnato alla porta dal suo team, la ha, insieme il munifico sponsor russo Uralkali che lo accompagna. Una decisione prevedibile da parte della squadra americana, che invece ha comprensibilmente evitato la rabbia del diretto interesse. Mazepin ha parlato della decisione unilaterale, lamentando il tentativo di essere presto primo e per la prima volta la sua opinione sul funzionamento della squadra direttamente da Gunther Steiner.

Una piccola sorpresa a supporto dell’ormai ex pilota della scuderia di Kannapolis se il team manager della Mercedes si schierato toto wolff. Vale la pena ricordare che Mazepin nel 2019 a Barcellona ha guidato una vittoria del team Brackley in una sessione di test durante la stagione, segnando anche il miglior tempo di quella giornata (anche se c’è poca benzina e gomme morbide). chattare con il canale Bloomberg TV Il tecnico del Vienna ha firmato una campagna a favore di Giovane Russo. “Ho l’animo diviso – disse Wolff – Perché Nikita di per sé è un ragazzo che merita di essere in Formula 1. Lui può governare. Alcune leghe sportive non hanno deciso di acconsentire agli atleti russi in gara, a parte stati più ultimi a negare l’accesso“.

Wolff però ha chiarito di essere assolutamente favorevole alla scelta del Circus di Non andrò a gareggiare in Russiatrack-feudo della Mercedes, in quest’anno nelle stagioni. “La Formula 1 e lo sport seminano handicappati in una gara del genere. Per questo abbiamo deciso di non correre a Sochi. Credo che la Formula 1 abbia avuto una dichiarazione significativa, perché mangia altre industrie nel mondo. Questo è il tema schiacciante di oggi e il permesso di rivalutare tutti i piccoli problemi che abbiamo nello sport: ci sono cose molto più importanti”.

PRENOTAZIONE RIPRODUZIONE

Add Comment