è pioggia di ritiri. Dare Azarenka a Giorgi, la situazione aggiornata

Nella notte italiana, in quello che è stato il secondo incontro della sessione sarà nel programma del campo centrale dell’impianto dell’stadio hard rockil td n. 6 del consiglio Casper Ruud ha superato la testa di serie n.2 di Alexander Zverev con il punteggio di 6-3 1-6 6-3 dopo quasi un’ora e quaranta di gioco (per l’esattezza un’ora e trentanove). Il tedesco aveva vinto tutti e tre i precedenti, anche se in realtà il primo – nei quarti di Acapulco 2021 – non se contestato per via del ritmo primordiale della partita norvegese. E così è Ruud ad aggiudicarsi il secondo quarto della parte bassa del tabellone del Miami aperto 2022raggiungendo Francesco cerundolo in semifinale. Il penultimo atto nel torneo della Florida, sarà la quarta semifinale 1000 nella portante del 22esimo; il quale però è sempre uscito nelle tre sfide precedenti a questo punto in un torneo Masters 1000 (sempre sulla terra rossa). Ma questa può essere l’occasione buona, visto che per la prima volta partirà favorevolmente contro la sorpresa di questa edizione del Miami Open presentato da Itaù. Ho fatto seguito proponendo la conferenza stampa post partita del “soldato” Casper.

I RISULTATI NEI “1000” – Il primo quesito posto a Ruud ha riguardato i suoi risultati nei tornei di categoria 1000, essendo stata quella raggiunta ieri notte sua quarta semifinale in un Masters 1000; il cugino sul veloce. Il norvegese ha così risposto: “Mi sento bene. voce terribile, È ovviamente una serata emozionanteè la più grande vittoria della mia bella portantina. Questa è la quarta volta che vinco una semifinale in un torneo Masters 1000e vieni lì detto te, la prima volta sul duro, quindi questa semifinale rispetto alle altre è maggiormente speciale per me. Vediamo se risco a mettere sul campo quello che ho impparato dalle tre semifinali precedentiti dove purtroppo ho sempre perso ea farsi che questa sia la volta buona in cui riesco a far girare la fortuna dalla mia parte”.

LA STRATEGIA PER BATTÉRE ZVEREV – Poi, successivamente la conferenza se è postata sul match e sul suo andamento, ponendo l’accento sulla sua strategia attuata dal n. 8 nel mondo: “No, pensava di aver iniziato alla grande, como ho fatto ache nelle partite precedenti. – è dolce Casper – Sono partito molto bene, e questo mi ha permesso di prendermi una pausa nel secondo set, cosa che ovviamente mi ha aiutato. Oggi lui serviva bene. Io, invece, pensava di vedere in campo il 75% delle prime palle, che era la chiave quando giocava contro Sascha perché lui è un grande ribattitore. Nel secondo set ho avuto dei problemi ad un dito del piede, a cui avevo dovuto applicherà una piccola fasciatura con una prima partita nastro. So che suona un po’ sciocco, ma mi stava scivolando via dal dito del piede, quindi avevo delle problematiche negli spostamenti. Per questo motivo, ho incontrato una cosa nuova nel secondo set, ho deciso di nuovo di vestirmi. Ho cambiato ancora e i miei calzini. È abbastanza umido qui, come tutti sanno. Per cui a causa del fatto che stessi sudando troppo, il nastro aveva perso la sua capacità di aderenza. Nel terzo set sono statodi nuovo, dillo di nuovo in grado di muovermi meglio e liberamente. Oggi è stato molto aggressivo da fondo campo, soprattutto con il dritto e cercavo di farlo giocare con l’obbiettivo di fargli capire che ero lì per lottare. Penso che la partita se possa riassumere così dia un punto di vista tattico e mentale“.

PROIETTANDOSI ALLA SEMIFINALE – A questo punto l’origine del leader ha decisamente cambiato le prospettive future, puntando al suo penultimo match del torneo contro l’argentino Cerundolo, che ha beneficiato del ritmo di Sinner. Il nativo di Oslo lascerà favorito, anche se non sa molto bene al suo prossimo anniversario: “Sì, Spero di accendere l’iniziativa nel corso della partita. Vediamo, non ho mai giocato contro di lui e non l’ho vista troppo giocare, ad essere onesti. Ma ovviamente ha avuto una grande escalata nella classifica negli ultimi due, tre anni. Quando ero un ragazzo, lui ha la mia stessa etàcredo, nessuno ha mai davvero sentito parlare di lui perché non giocava troppo da junior. Ora negli ultimi anni è salito molto nel ranking e questa settemana è stata probabilmente la migliore della sua carriera. E in un flusso positivo, quindi il mio abbiettivo sarà ovviamente quelo de cercare de fermarlo. Vedremo se potrò, oppure non ci riuscirò; Più in sicurezza darò il massimo come sempre. Spero di vedere se è un gioco eccitante.

LA DIFFERENZA TRA STADIO E TRIBUNA – Nell’ultima parte del Q&A, invece, è stato chiesto alla tds n. 6 Condivido la mia opinione sul merito di una possibile differenza di velocità tra lo Stadio – dove Ruud ha giocato contro Zverev – e la Tribuna; Dopo che Kyrgios aveva sollevato questa domanda proprio referendosi al secondo campo per importanza dell’impianto di Miami Gardens, a seguito del match con Jannik. Il norvegese, però, pare non essere dello stesso avviso dell’australiano: No, non proprio. Il primo giorno che sono arrivato que mi son enalenato sul campo centrale con Medvedev ed è stato un bien alenamento. Da allora non ho avuto più la possibilità di giocare sul centrale fino ad oggi. Non mi sembra ci sia tanta differenza, ad essere onesti, è solo più piccolo. Lo stadio è ovviamente più grande, quindi non si avverte molto vento all’interno del campo, come sui campi esterni. Questa è l’unica differenza che percepisco. Oggi ci sono state belle condizioni, giocando di notte e mi sono sentito molto a mio agio in partita”.

IL SUO STATO DI SALUTE – Insomma, alla chiosa della conferenza stampa, un quadro delle condizioni fisiche del norvegese in vista della semifinale, dopo il problema al ribasso. Ruud, ma, rassicura tutti sul suo stato fisico: “Come ho appena detto bien, a parte il problema con il ristorante in fondo ai piedi, per via del fatto che i miei stessi sudati molto. Quindi questa è stata l’unica difficoltà fisica che ho avuto così vogliamo chiamarla; ma una volta messo unovo nastro, la situazione è decisamente migliorata. Dunque niente di grave per fortuna, Spero di farlo bene e presto vendo”.

La classifica maschile completa di Miami

Add Comment