Hülkenberg: “Felice, ma non per la P17” – F1 Piloti – Formula 1

Voi Qualifica GP del Bahrain Hanno riservato un risultato da dimenticare per il team Aston Martin, una delle note negative di questo andamento della tappa: la squadra, che deve cedere meno di Sebastian Vettel, bloccato dal Covid-19, non ha infatti superato la Q1 con entrambi i suoi piloti, relegati ai margini della griglia di partenza per la gara di domani. Chi si aspettava inoltre un risultato sfavorevole per Nico HulkenbergIn questo fine settimana in F1 avrò l’ultima presenza nel 2020, se faccio ricredere di fronte ai riscontri cronometrici, con il tedesco 17 e davanti al proprio compagno di squadra giro in lanciasciolto 19 ed in ultima fila all’interno del connazionale della Williams Nicholas Latifi. A proposito di questa performance, Stesso Stroll ha probabilmente commentato i suoi sentimenti riguardo alla sua performance personale, non nascondendo tutta la delusione post-sessione: “Non è quello che ci apettavamo dopo un positivo PL3 – ha spiegato – Abbiamo fatto alcune modifiche alla macchina, e forse non si sono rivelate quelle corrette. Non rimuoviamo la presa necessaria, e sarà doveroso esaminare i dati per capirli. Le prime gare saranno una curva di apprendimento mentre si cercheremo di capire meglio la macchina. Domani è un nuovo anno, che presto si trasformerà per fare progressi”.

E mentre l’Aston Martin incassa un privato risultato di soddisfazioni, la piccola consolazione deriva dal buon passo veloce di Hülkenberg, al suo orgoglioso turno di vedere quasi sfiorato la qualificazione in Q2 pure con una limitata esperienza al volante dell’AMR22: “Ovviamente non ci accontentiamo di P17 ma, una vita personale, sono felice – ah sì – Ritengo che ci siano stati in grado di mettere insieme alcuni giri puliti senza alcun errore, pur non avendo testato molto la vettura. Il campo è molto vicino quest’anno, quindi ci sono stati alcuni dettagli che ci hanno impedito di raggiungere la Q2. La verità è che ho iniziato a comunicare con me stesso, ma anche perché non corro con un veterano di Formula 1 quasi per anni. Non so se riuscirò davvero a prepararmi per andare di strada in strada con un’altra macchina e gestirlo nel migliore dei modi. Tuttavia, non vedo l’ora di godermi ogni giro”.

VET | Alessandro Prada

PRENOTAZIONE RIPRODUZIONE

Add Comment