Nick Kyrgios ha multato $ 25.000 al giorno a Indian Wells

[6] Koolhof/Skupski b. Bolelli/Fognini 6-1 3-6 10-5

Simone Bolelli e Fabio Fognini se Fermano in semifinale al Miami Masters 1000. La coppia italiana cede a Koolhof e Skupski, mangiano Indian Wells, quando gli olandesi e gli inglesi vincono 6-4 6-4. Va detto che Fognini, tuttavia, in California aveva giocato quasi da fermo, proving di non stare troppo bien che, il giorno dopo, è stato costretto al ritiro dal match di singolare contro Basilashvili. Stavolta la partita è stata più combattuta e ha abbandonato gli ultimi per dissenso contestato da Fabio e Simone (contro Dodig/Melo e Delbonis/Gonzalez), in cui gli azzurri hanno pagato un inizio lento, riscendo poi a risollevarsi nel secondo parziale. Questa volta, però, il lungo tiebreak no ha sorriso agli azzurriche cedono 10-5 con qualunque strappo. Fabio e Simone mi hanno consolato con il terzo post in Gara: mantenendo la continuità della prestazione vista da inizio anno (il titolo è arrivato a Rio de Janeiro), un post alle ATP Finals non è un’utopia.

LA FESTA – Koolhof parte improvvisamente bravo al servizio e Bolelli non è da meno, sfornando grazie ottimi dritti Io valgo l’1-1. Nella partita successiva, con Skupski in battuta, gli italiani hanno rischiato portarsi sullo 0-30, con Simone particolarmente scaduto dà fondo in avvio di partita. Una bella risposta vincente di rovescio sul 30-30 dà all’improvviso dovuta possibilità di rottura agli azzurri, più un ace di Skupski e un tiro al volo vincente di Koolhof hanno permesso a tutti gli anglo-olandesi di portarsi sul 2-1. Nel concerto successivo Bolelli e Fognini perdonarono la battuta, anche per via di a inizia piuttosto sottotono dal tennista di Arma di Taggia, che ha portato a terra la racchetta che doveva girare in meno di un minuto, grazie agli dei. Koolhof e Skupski hanno vinto la maggior parte dello scambio a rete e, avanti 4-1, apprendista di tre liberi Bolelli per operare il doppio break e chiudere 6-1 a dominate set, condito da due ace e dal 92% di punti vini con il premio.

È Fognini che servirà da cugino nel secondo set, riuscendo ad avere la meglio solo in punto killer e cercando di caricarsi al cambio di campo, rivolgendosi piuttosto eloquentemente a Bolelli: Dai c***, non può essere sempre Pasqua!. Il riferimento è probabilmente al livello di tennis decisamente elevato che Koolhof e Skupski non hanno espresso e che continuo a mostrare, vincendo a zero i loro due primi giochi en battuta. Sul 2-2 torna a servire Fognini, che fatica ad imporre il suo ritmo in sottofondo, con il quale brivido, porta la coppia azzurra sul 3-2. I due game successivi vennero rapidamente tenuti a 15 da Bolelli e Skupski e, nell’ottavo gioco, è il 36enne bolognese a trascinare i campioni dell’Australian Open 2015 a quattro palle si rompono di fila. Una risposta molto intelligente e merito di Ottimi Vincenti di Bolelli portano gli azzurri sullo 0-40, subito finalizzato da Fognini con una bella risposta e un dritto in campo aperto. Avanti 5-3, i due italiani vanno sotto 0-30, Ho vinto un punto per dir poco bizzarro sul 15-30 e conquistato la seconda parte 6-3.

Il lungo tiebreaker se mi apro con tre minibreak su altrettanti puntiper la qualifica di concessione data da Bolelli con dovuta gratuiti di rovescio: il match, sostanzialmente, se decidi tu chi. Se gira una prima volta con Koolhof e Skupski avanti 4-2 e bravi, grazie a due ottime prime del britannico, a portarsi sul 6-3. gli azzurri se lo tengo in scia, accorciando sul 5-6 con una buona difesa a rete di Fognini che, ma, nel punto successivo sbaglia male de dritto da fondo, nel punto che poteva valere l’Aggancio. I due italiani non rischio più di vincere un punto e sono purtroppo costretti a rinunciare anche agli ultimi servizi dovuti. finire 6-1 3-6 10-5 a favore di Koolhof e Skupski, che approva la bonus finale in un Masters 1000 insieme (L’inglese era già arrivato all’ultimo atto di questo torneo l’anno scorso in coppia con Daniel Evans, sconfitti only da Metkic/Pavic). Per Fabio e Simone sottraggono un pizzico di rammarico, ma Koolhof e Skupski sono stati più continua per tutto l’arco della partita, conquistando la 23esima victortoria stagionale a fronte di appena quattro sconfitte. In finale affronteranno Kokkinakis/Kyrgios o Isner/HurkaczIntorno alla quarta tappa trionfo dopo i tre tioli ATP250 ha conquistato Melbourne, Adelaide 2 e Doha.

Add Comment