“Senza Marc Márquez è più difficile”

Pol Espargarò e Honda omologati in Argentina con l’obiettivo di misurare una gara nell’ultimo round della MotoGP a Mandalika. Dopo la longa scia ritorna di polemiche con Michelin se sarà alla carcassa standard e il doppio apppuntamento americano sarà decisivo per arrivare in Europa con l’idea più chiara. Al momento di conoscere e recuperare Marc Marquez, colpito da un nuovo caso di diplopia dovuto all’incidente nel warm-up in Indonesia.

Honda si sente con Michelin

Sono determinanti per il futuro di Espargarò che non ha firmato un nuovo contratto con la Honda. Nel 2021 non c’era dono di emozione ad eccezione del podium di Misano, quindi la fiducia andrà riconfermata con i risultati delle gare gare. L’adattamento alla RC213V se è più complicato del previsto, ma l’evoluzione 2022 ha una diga più grande al posteriore che permette l’adattamento con il suo stile di guida e risponde a tutte le esigenze di pneumatici. “In passato la moto funzionava in modo molto diverso in termini di grip posteriore, tracciatura posteriore, impostazioni per l’ingresso in curva. Si potrebbe dire che non sembrava fatta per queste gomme – dice a Speedweek.com -. Gli altri produttori, per qualsiasi ragione, erano stati in grado di adattarsi a questi pneumatici molto rapidamente. Quest’anno la moto comprende molto meglio le gomme“.

Honda e lo stile di Marc Márquez

La nuova MotoGP semina di andare in una direzione diversa dalle richieste di Marc Marquez, ma Pol Espargarò sostiene che la RC-V non ha una moto disegnata attorno al campione di Cervera, come se si dicesse di farne parte. L’equazione sembra contra: “Credo che Marc sia stato costruito per la moto. La moto era così e lui è stato in grado di adattarsi, le sue capacità lo hanno aiutato… La moto quest’anno è sicuramente molto varia. Non così va bene per Marc, ma era veloce con la vecchia moto, ma è velocissimo con la nuova. Perché ti offro una medicazione in più, è sempre lì. È più sicura, più veloce in accelerazione e più velocità massima. La velocità in curva è migliore. Ed è più facile fermarsi perché la ruota posteriore resta più a terra“.

Il futuro di Pol in MotoGP

Nelle ultime settimane Pol Espargarò dovrà mettere nero su bianco sul suo futuro, il nuovo con Honda non è affatto scontato e il nuovo sventura di Marc Marquez non giocherebbe a suo favore. Ma mai ha pensato di aver fatto una scelta sbagliata quando ha lasciato KTM per passare alla Honda. “Quando ho imprigionato la mia decisione, ero certo di avere l’opzione migliore per me stessa e credevo che fosse ancorata… L’inizio è stato difficile per me e per te. Non avere Marc nella squadra mi ha reso le cose più difficili. Avevo domande a cui non riuscivo a trovare risposta. quello era un grosso problema“.

Add Comment