Sogno Haas: Giovinazzi ha clausola d’uscita se chiama la F1 – F1 Piloti – Formula 1

Illinois mercato pilota La F1 era incredibilmente aperta quando Mancano doveva stabilirsi al primo Gran Premio della stagione 2022. Ovviamente, la situazione che si era concretizzata era inimmaginabile: l’invasione dell’Ucraina dalla Russia ha sanzionato severamente e reagito contro Nikita Mazepin, lui che ha perso il sedile di Haas, scuderia che ha volontariamente stabilito in maniera netta la distanza dalla sua componente russa rispetto al title sponsor Uralkali che garantisce a Mazepin la possibilità di correre in F1. Ad Abu Dhabi il classe 1999 non presente parte all’ultima gara della stagione a causa della positività al Coronavirus. Senza saperlo, Nikita non partì in quella che moto probabilmente sarebbe stata la sua gara in carriera in F1 a meno che Ribaltoni non finisca presto in questo momento difficilmente prevedibile.

La Haas troverà dunque costretta a voltare pagina e io chiuderò un sostituto per appoggiare Mick Schumacher al volante della VF-22 che non fa i pre-test a Barcellona se si comporta bene. Pietro Fittipaldi, pilota di riserva della scuderia guidata da Gunther Steiner, è in pole position per riportare il Brasile in F1 dopo gli addii di Felipe Massa e Felipe Nasr. Il ragazzo del grande Emerson conosce benissimo la Haas e porterà in dote il patrocinio garantito del Banco do Brasil. Nella rosa dei candidati, ma, c’è anche Antonio Giovinazzi, che, al suo ritorno di passaggio, ha avuto più occasioni di salire in pista al volante della Haas nella sessione per provare a liberare il venerdì. Il pilota classe 1993 è in orbita della Ferrari, che fornisce il power unit al team statunitense, che ultimamente è sempre più legato a doppio filo alla Ferrari come testimonia anche la genesi del VF-22 realizzato praticamente a Maranello.

Giovinazzi è il terzo pilota nominato della Ferrari dopo Mick Schumacher per il 2022, tappa che vede l’ex Alfa Romeo impegnato in Formula E con il team Penske. L’edizione moderna di La Gazzetta dello Sportma, si ricorda che la convenzione con la compagine iscritta alla serie elettrica prevede una clausola d’uscita in caso di chiamata da parte di una squadra di F1. Il manager di Giovinazzi, Enrico Zanarini, non è ovviamente tornato a mettere alcun ostacolo in vista degli imponderabili colpi di scena sul mercato piloti e ora che questi se sono verifica non è inpensabile que a sorpresa Giovinazzi possa tornare a correre in F1 ben prima di quanto si può immaginare.

PRENOTAZIONE RIPRODUZIONE

Add Comment