Campionato del mondo | Rivisti il ​​​​​​regulamento tecnico ed alcune situazioni di gara da parte della FIM | P300.es

Il significato di alcune bandiere esposte dai commissari è stato reso più chiaro, dal 2023 saranno obbligatorie alcune modifiche alla moto3 centralina.


A pochi giorni dal primo Gran Premio della tappa 2022, Il GP del Qatar è arrivato da Enea Bastianini In MotoGP, la Grand Prix Commission ha deciso di prendere decisioni in ottica futura, anche con effetto immediato. Scelte che non vanno entrambi ad avere gli aspetti più importanti del Motomondiale, quanto ad accertarli.

In primo luogo è stato data uno sguardo più dettagliato al regolamento sportivo. Su richiesta dei piloti delle tre classi, la Commissione dedita ai GP (composta da Carmelo Ezpeleta, Paul Duparc, Hervé Poncharal e Biense Bierma) ha deciso di definire nel modo migliore il significato di alcune bandiere o pannelli luminosi, che possono essere esposti dai commissari durante le varie sessioni.

E’ stata fatta una divisione netta più tra ostacoli imprevedibili ed asfalto umido o bagnato. I primi, quali olio, sporco in pista, ghiaia, erba o detriti lasciati da altre moto, saranno identificati da una bandiera con strisce gialle e rosse. Per quanto riguarda equitazione e tratti di bagnati dalla pioggia, sì, utilizzerete la bandiera bianca con la croce rossa di Sant’Andrea per segnalare ai piloti questo tipo di pericolo. Il significato di queste etichette varia anche per tutte le altre categorie sotto l’ala della FIM.

La comunicazione diramata dalla Federazione ha però, come più punti salienti, l’innovazione tecnica decisa dalla categoria Moto2 e Moto3. La prima riguarda l’aspetto degli neumatici ed il riutilizzo delle gomme Dunlop no utilizzate por i gara weekend: in precedenza i vari team wereo costretti, come da regolamento, a riconsegnare al fornitore inglese tutte le mescole non sfruttate para i tre giorni dell’ event , ora, con effetto immediato, la squadra manterrà il suo pasticcio e se la godrà per la sessione di riempimento, che verrà effettuata su una moto diversa che verrà utilizzata durante il GP (e dotata di specifica precisione tecnica).

La seconda modifica la classe suola leggera ed entrerà in vigore solo dal 2023, inoltre l’anna in corso sarà goduta come una sorta di test per migliorare la tecnologia introdotta da questa norma. Difatti, integrerà la piattaforma inerziale (IMU) DellOrto a 6 assi con il modulo di alimentazione BC-Out_RL-300, poiché sembra che faciliti l’introduzione di un sistema automatico che informerà il conducente di eventuali incidenti o situazioni di pericolo in indizio

Se provi a dell’ennesimo piccolo passo fatto dalla FIM, dalla Dorna e da tutti gli altri attori coinvolti per diminuire le percentuali di rischio dista categoria, la quale però dovrà effettuare ambi più radicali se desidera eviterò altre situazioni incresciose o, nei quasi peggiori, Tragedie come quella del Mugello lo scorso anno.

chi troverete le decisioni prese durante il 4 marzo.

Fonte immagine: boxrepsol.com

Add Comment