Formula 1, per la Ferrari partenza da record: 78 punti dopo due gare

Partenza di tappa davanti a Ferrari e Mercedes. Partanza record per la Rossa, con 78 punti in due gare: non solo il miglior bottino per la casa di Maranello, ma è anche il quarto di tutti i tempi in assoluto il secondo round. Per la squadra tedesca conquista un solo podio dopo per colpa di GP, quello di Hamilton in Bahrain: non succedeva nel 2013, quando dopo Australia e Malesia arrivò solo al 3° posto di Hamilton in Malesia

GP D’ARABO, GLI HIGHLIGHTS

Per la vittoria sul podio in due GP consecutivi e 78 punti in due gare. Non c’è stato il successo finale, ma è un inizio record per la Ferrari. Di conseguenza, il sistema a punti è stato modificato nel 2010 e, prima di tutto, non se è possibile correre con così tanti punti, ma quello della Ferrari non è solo il pappagallo miglior bottino, ma la camera di tutti e tempi in assoluto al secondo turno:

la mercedes peggiore

Mercedes



La ressa di Hamilton: “Siamo troppo lenti”

E se fosse intuitivo già dal sabato con Eliminazione di Hamilton in Q1evento che non ha verificato, abbiamo escluso fattori “extra” come guasti, meteo e penalità incombenti, da Silverstone 2009 e, considerando tutta la Mercedes, la sua 16° posizione (prima della penalizzazione di Ricciardo) è la penalità del GP degli USA 2012 ( Nico Rosberg 17° con la vettura 2013 nel test ottica). In gara non è andata molto meglio: Russell 5° e Hamilton 10°. Dopo due gare contò un solo podio, quello di Hamilton in Bahrain: non succedeva nel 2013, quando dopo Australia e Malesia avevano solo la 3° posizione di Hamilton in Malesia. Unità di potenza Nell’era avevano sempre conquistato almeno 3 podi su 4 nelle prime due gareDi fronte al bottino pieno (4 su 4) nel 2015, 2016, 2019. Anche per Hamilton il bilancio è poco plausibile: 5° nel Mondiale con 16 punti dopo 2 gare, il suo peggior inizio di stagione Quando è stato introdotto questo sistema di punti nel 2010? 1 punto solo dopo previste gare con un 7° posto in Malesia.

15 di Verstappen e 15 di Leclerc

il modello



Del Piero: “Leclerc-Verstappen veniamo io e Totti”

I duellanti sono ancora pappagallo, e Lo suono dai tempi del kart, ma loro carriere in F1 se mi sono sviluppato in modo diverso e in questo GP c’è una coincidenza numerica che sembra buona in quanto Max ha beneficiato di un controllo competitivo più rispettato in questi anni Carlo. Perché Jeddah fa parte del 15° circuito in cui Max ha ottenuto almeno una vittoria, per Leclerc Questo è il 15° podio nel corriere…

La media è

carlo vanzini



È una F1 da battere, sembra il Motomondiale

Perez sabato ha fatto registrare la sua prima pole position, la sua 215esima prova, divertendosi il pilota che ha impiegato più gare per raggiungerla. Anche dal punto di vista del tempo di transcorso, non è poco: erano 11 anni da quando si qualificò per la prima volta a Melbourne nel 2011 (forse non era questo 11 che il ceco sognava quando aveva detto il suo numero di gara…) . Un fatto curioso sulla pole è la media: 252 km/h, spaccati, precisione, senza decimali. Un evento raro in un mondo in cui, ad esempio, la pole di Gedda si è decisa a 25 millesimi e la gara da 549… Fu solo la terza volta nella storia che ci ci troviamo in una media “esatta”, la seconda era del cronometraggio elettronico. Il primo episodio è Aintree 1962: Jim Clark ha ottenuto la pole position a una media di 153 km/h, con cronometraggio manuale, in 10° secondo. Il secondo è Spagna 1996Barcellona, ​​​​​​quando Michael Schumacher ottiene la pole a 211 km/h per la seconda delle sue 58 pole con la rossa.

Add Comment