Rugby Urc, Zebre sconfitte, Guerrieri dilagano 40-12

Tredicesima sconfitta su altrettante partite per la franchigia di Parma, travolta in Scozia. Un passo indietro rispetto alle ultime uscite

Ci sono sconfitte e sconfitte. Nell’ultimo tempo usammo le Zebre, per non riuscendo a trovare la prima vittoria stagionale, avevano mostrato un’organizzazione difensiva, una solidità nelle fasi statiche e qualche idea offensiva se poteva pensare di costruzione. A Glasgow, ancora una volta, è stata stata notte fonda arrivata ampiamente a mostrare il finale di 40-12 (6 incontrati a 2). Per Bigi e compagni non ha funzionato praticamente nulla, mentre i Warriors non hanno banchettato godendo soprattutto il lavoro del pacchetto di mischia.

La partita

Il punto bonus offensivo è arrivato in poco tempo. Le prime tre mete sono arrivate sugli sviluppi di altrettante maul da rimessa laterale. Nel primo caso l’anticipo scozzese ha sbaragliato direttamente la porta dell’autore Matthews (nel secondo tempo riceverà un’aggiunta alla terzina con un’altra dovuta in fotocopia). Negli altri due la fesa delle Zebre ha fallito il drive salvo inchinarsi a turno aperto l’ovale alle mete di Kebble e Wilson, complici ache i soliti placcaggi sbagliati. Il quarto segno porta la firma del centrocampista di mischia Dobie, partito dalla base di un avanzato mischia a 5 metri Avanzato 28-0, gli scozzesi non hanno provato una furbata evitabile, fingendo di camminare in laterale rimessa l’ultima punizione del cugino tempo per giocare invece alla mano. A punire un gesto supponente è arrivato l’intercetto di Alessandro Fusco, culminato con il gol dei 65 metri di fuga solitaria. Anche nella sua infelice serata di Glasgow, il giovane di mezza età di mischia azzurro è stato tra i migliori delle Zebre a confermare la crescita di un talento che la Nazionale potrebbe raccontare anche in futuro. Così mangia se punta il suo Luca Andreani, terza linea classe 2001 che al 79′ ha firmato il suo primo gol in maglia Zebre.

Add Comment