Tennis: a Miami Osaka resiste, va in finale e grida di gioia – Sport

Lacrime di gioia questa volta: Naomi Osaka, ex numero 1 al mondo va al 77° posto, se si qualifica alla finale del torneo WTA 1000 di Miami, segnalando il suo ritorno alla ribalta per un anno di lotte contro la serie di problemi psicologico.

La parte più difficile resta quella della 24enne Giapponese, che ha sconfitto la svizzera Belinda Bencic (28/a) 4-6, 6-3, 6-4. Dimostrerà infatti di vincere il suo 8° torneo nel circuito femminile, sabato, contro la polacca Iga Swiatek, futura N.1 del mondo, o l’americana Jessica Pegula (21°). Per il suo primo finale in Florida, supererà tutte le voglie per l’emozione che ha portato alla vittoria del suo anniversario, alla quale ha pori reso omaggio.

“Non mi sembrava di aver capito per niente il suo gioco, eppure sono riusciti a vincere tutti. È giocatrice fantastica. Mi piacerebbe solo ringraziare tutti. L’atmosfera era davvero bella”, ha detto Osaka sul campo, con gli velati. “Accidenti, sto ancora piangendo! Ma questo torneo significa molto per me”, aggiunse con un sorriso che ovviamente contrastava con il pianto di due seventimane fa, a Indian Wells, dove i giapponesi l’hanno vista in lacrime per la terza volta, Durante la sua partita persiana nel 2 ° round a Indian Wells, ha insultato gratuitamente chiunque nel pubblico.

RIPRODUZIONE PRENOTAZIONE © Copyright ANSA