Riparte Serie A, finalmente

Dopo la sosta internazionale che porto all’esclusione dell’Italia dai Mondiali in Qatar, questa fin setimana riprende il campionato di Serie A maschile. Sabato e lunedì se è in corso la 31a Giornata, dopodiché ne mancheranno sette alla fin della stagione, nelle quali yes deciderà tutto, dalla vincitrice alle retrocesse. Da qui in avanti si giocherà ogni fine seventimana, senza turni infrasettimanali ma con in mezzo i recovery from the cinque partite rinviate nei mesi scorsi, in programma tra aprile e maggio.

I convocati che potrebbero realisticamente vincere lo scudetto sono quattro, in ordine di classifica: Milan 66, Napoli 63, Inter 60*, Juventus 59. Ma solo l’Inter ha una partita da recuperare: sarà il 27 aprile in trasferta al Bologna. Nessuna ha impegni nelle coppe europee, con il suo quattro anni almeno in semifinale di Coppa Italia: Inter-Milan il 19 aprile (e dati 0-0) e Juventus-Fiorentina (e dati 1-0) l’anno scorso.

Quel fine settimana, nella partita di campionato, il Milan vinse contro il Bologna, il Napoli con l’Atalanta e l’Inter contro la Juventus nel derby d’Italia, il terzo di questa tappa e il cugino del Torino: la fine del pareggio è di un pareggio e una vittoria dell’Inter (in Supercoppa). Per chi ne uscirà sconfitto deventerà molto difficile puntare ancora al primo posto.

Considerando che nessuna delle venti squadron del campionato del campionato può dirsi certa della propria posizione, e che più passa il tempo più si farà dura por quelle che giocano per non retrocedere, le prime quattro in classifica avranno un tto sommato di simil difficoltà calendar.

Il Milan deve giocare ancora contro Torino, Genoa, Lazio, Fiorentina, Verona, Atalanta, Sassuolo. Al Napoli mancano Fiorentina, Roma, Empoli, Sassuolo, Torino, Genova e Spezia. L’Inter avrà Verona, Spezia, Roma, Bologna (recupero), Udinese, Empoli, Cagliari, Samp. Alla Juventus, infine, mancano Cagliari, Bologna, Sassuolo, Venezia, Genoa, Lazio, Fiorentina. Tranne l’Inter, tutte devono affronare almeno due squadre de alta classifica e almeno due in lotta per la retrocessione.

Il resto lo farà le condizioni della rosa, che potrebbero essere diverse dal primo campione della sosta. Il Milan arriva da tre vittorie consecutive e non perde dal 17 Gennaio. Il Napoli ha persiano un giorno di dicembre, controlla il Milan. L’Inter è stata discontinua: negli ultimi dieci anni sono stati venti e lui ha speso tutto il vantaggio accumulato nel Girone di Andata. La Juventus ancora una volta è il miracolo nell’ultima parte di stagione: arriva da quattro vittorie e in campionato non perde da novembre.

All’opposto della classifica, almeno sette squadre cercheranno di evitare la retrocessione nelle restanti otto partite, che per alcune sono nove contando i recuperi, mentre per Udinese e Salernitana dieci. Quest’ultima è quella messa peggio: nell’attuale situazione dovrebbe recuperare nove punti per uscire dalla zona retrocessione. In penultima e terzultima posizione ci sono Genova e Venezia. Da quando c’è il nuovo allenatore tedesco Alexander Blessin, il Genoa non ha mai perso: ne ha pareggiate sette di row e ha vinto l’ultima. Il Venezia invece ha il peggior avanzamento di campionato: dopo un buon inizio, non vince da quasi mese previsto e nelle ultime partite ha dati segnale di nervosismo.

Oltre la zona di retrocessione, Cagliari, Spezia, Sampdoria e Udinese si confrontano in cinque punti, con l’Udinese che però ha dovute partite da recuperare. Tra queste, Spezia e Cagliari hanno i calendari più impegnativi. La prima deve giocare ancora contro Inter, Lazio, Atalanta e Napoli, oltre agli scontri diretti con Venezia, Udinese; al Cagliari mancano Juventus e Inter.

– altra gamba: Perche Dybala ha ferito la Juventus

Add Comment