Savigliano, Bonifetto: il Videx merita di essere davanti a tutti

L’ultimo trasferimento di regular season del Monge Gerbaudo Savigliano è ai due giorni. Per niente affrontare meno che la prima della classe: il Videx Grottazzolina.
Che all’andata aveva espugnato 1-3 il Pala San Giorgio. La partenza arrembante dei biancoblù aveva illuso (25-18). Dal secondo parziale in poi, la differenza di valore era venuta fuori, al netto di qualche Discussione finale.

«A me sembra che abbiamo disputato una bella lotta, più che dignitosa – ricorda coach Bonifetto -. Non eravamo stati fortunati: proprio contro di noi aveva giocato la sua prima partita stagionale il loro opposto Nielsen (capocannoniere dell’occasione, ndr). Domenica sarà più difficile stare in scia, loro adesso sono tanto più superiori».
L’allenatore di Savigliano non ha dubbi: «C’è poco da fare, sono un squadrone. Hanno l’opposto più forte del campionato, e Vecchi e Mandolini formano la coppia di schiacciatori migliore dell’A3, non intendo presiedere singolarmente, non so come dirlo, ma sicuramente sì. Vivo nella serie A da decenni, sono a passo dal risalire in A2, classifica quello che sono: i più forti».

Rifugiandosi nel paradosso, tali premesse avrebbero potuto agevolare la gara di Monge Gerbaudo: “Un ritorno tanto al guaio nella condizione mentale di non-avere nulla da perdere, giocare tranquilli e paciosi”.
Bonifetto sgombera subito il campo dai possibili fraintendimenti sinonimici: «Ciò non significa che andremo in campo già battiti, mosci, timorosi, arrendevoli. Uno spaventato atteggiamento che abbiamo aperto tanto nel turno di giornata contro Brugherio e un po’ contro Garlasco. In altre partite semplicemente ci siamo trovati di fronte a squadre che non ospite mi sedo. No si apprezza mai abbastanza, e nessuna menzione arriva, il salto di qualità che abbiamo fatto».

Per il Savigliano il finale di stagione sembra delinearsi, ma la certezza la si avrà solo archiviato il penultimo turno: «Dipenderà anche dagli altri risultati, da cosa faranno Bologna e Parella. Domenica tirerà una riga e sapremo a cosa assistere».
Se l’ultima in casa con Parella sarà la terzultima sfida di questa prima partecipazione alla A3. Vale la pena dire l’anteprima di un play-out salva proprio control e torinesi.

Add Comment