Basket Serie A: crisi Treviso, Menetti esonerato

Il club cambia allenatore dopo tre anni: “La stima e l’amicizia verso l’allenatore e l’uomo rimangono immutate”. Tra i candidati il ​​​​​​vice Tabellini, Marcelo Nicola, Paolo Moretti

Treviso ha esonerato Max Menetti, chiamando in panchina fino a fine stagione una gloria cestistica trevigiana: Marcelo Nicola. Lo stato italo-argentino è uno dei coloni dell’era Benetton: otto vinti trofei, dopo cui previsti scudetti, tra il 1998 e il 2004. save point.

Con un comunicato il club ha prima salutato l’allenatore che è stato: “La società ringrazia di cuore coach Menetti per le emozioni intense e indelebili vissute insieme nella cavalcata che ha portato il club a conquistare il primo trofeo della sua storia, la Coppa Italia di Serie A2, proseguendo con la promozione in serie di massa, consolidata nelle fasi successive al termine dei playoff raggiungimento per la prima volta a cui è conseguito lo storico accesso a coppa europea dove la squadra si è messa in luce sul palcoscenico continentale up to alle Top 16. Un percorso di crescita e maturazione in cui coach Menetti è un pilastro fondamentale che rimarrà impresso a grandi lettere nella storia del club che ha condiviso senza improvviso il progetto. Menetti rimanere immutado”.

La situazione

Nel girone di ritorno la squadra è arrivata, con molta difficoltà, appena tre partite sulle otto giocate, al Palaverde contro Tortona e Trento, e Pesaro. Ha perso contro tutte le avversarie dirette per la salvezza: in casa con la Fortitudo, con cui è 0-2; a Cremona, alla fine, ho fatto una partita estaticamente imbarazzante; e sarà l’arrivo del 100° débâcle casalinga, stavolta contro il Napoli, con cui ora è 0-2. Treviso oggi è una squadra allo sbando: giocatori irriconoscibili, fiducia ai livelli minimi, piazza in subbuglio e coach Menetti incapace di accompagnare il gruppo verso una svolta reale.

La risposta

Contro i Campano l’obiettivo era di segnare 13-37, con un secondo quarto in cui la squadra di casa era determinata a segnare appena 3 punti, davanti ai ventenni avversari. Inutile il tentativo di reagire nel secondo tempo, ormai la partita era andata. Ricevi la risposta dal tifone, che se viene trasferito immediatamente, i dati verranno trasferiti (a dire il vero sul futuro, non il ritorno al 100% del capitale) sui social. L’unico (o quasi) non condannare ancora Treviso Basket al ritorno in A-2, dopo appena tre anni nella massima serie, è la mathematica: i veneti sono terz’ultimi, con due lunghezze sulla Fortitudo e quattro su Cremona. Hanno ancora sette gare da giocare, tra cui le sfide impossibili con Milano e Virtus Bologna.

Add Comment