Diretta Gara MotoGP / GP d’Argentina 2022: Trionfo Aprilia con Espargarò – Live


[Motomondiale] Buonasera cari lettori di FormulaPassion.it dire appassionato moto gp e bentrovati con la nota dedicata alla cronaca direttamente dal Gran Premio d’Argentinaterza gara del mondiale 2022 della classe regina.

gara conclusiva

analisi – Momento storico per aprile, che rischia di conquistare la sua prima vittoria in MotoGP grazie alla magistrale vittoria di Aleix Espargarò in Argentina. Il pilota spagnolo – alla sua prima affermazione nella classe regina – ha raggiunto la fine del gran premio superando un coriaceo Jorge Martin (Ducati Pramac), che ha cercato di resistere il più possibile al connazionale. Aleix Espargarò è il nuovo leader del mondiale, con 7 punti di vantaggio su Brad Binder (KTM), che è giunto sesto. Il podio sarà completato da Alex Rins (Suzuki), preceduto da Joan Mir (Suzuki).
Buona Rimonta di Bagnaia (Ducati) cioè Risalito dal 13° al 5° Posto al traguardo. Miglior piazzamento da quando è in Aprilia – septimo – per Vinales, che può recriminare per aver perso due posizioni nell’ultima parte di gara. A completare la top 10 Quartararo (Yamaha), solo ottavo, un grande Marco Bezzecchi (Ducati VR46) nono ed Enea Bastianini (Ducati Gresini) decimo.
Ritratto anonimo di Luca Marini (Ducati VR46), ritratto dalla terza posizione, di Miguel Oliveira (KTM) tredicesimo e Jack Miller (Ducati) quattordicesimo.

Bandiera a scacchi – Vince l’Aprilia di Aleix Espargarò, che rischia di piegare la resistenza di Jorge Martin. Si tratta della prima vittoria in MotoGP della casa di Noale.

penultimo turno – Sei decimi tra Aleix Espargarò (Aprilia) e Jorge Martin (Ducati Pramac). Bagnaia (Ducati) risale in quinta posizione, superando Vinales (Aprilia). Viene imitato anche da Brad Binder (KTM) e ora è diciassettesimo.

23/25 – Resta invariata la differenza tra Aleix Espargarò (Aprilia) e Jorge Martin (Ducati Pramac). Nessun rischio per ricongiungersi Rins (Suzuki), mentre Fabio Di Giannantonio (Ducati Gresini).

22/25 – Aleix Espargarò (Aprilia) ha tre decimi di vantaggio sulla sua Martin (Ducati Pramac), 1″1 su Alex Rins (Suzuki), 2″5 su Mir (Suzuki) e 5″3 su Vinales (Aprilia), che braccato di Bagnaia (Ducati).

21/25 – Sembra resisterà due decimi Martin (Ducati Pramac), terzo a 1″2 dalla vetta c’è Alex Rins (Suzuki). In vetta l’Aprilia di Aleix Espargarò.

20/25 – Cinque giri tutto bene, la top10
1. Martino
2. Aleix Espargaro +0.1
3. Risciacqui +1.4
4. Guarda +3.1
5. Vinales +5.6
6.Bagnaia +6.0
7. Cartella Brad +7.1
8. Quartararo +10.0
9. Bezzecchi +10.9
10. Bastianini +11.1.
Passa Espargarò (Aprilia) e questa volta resta in testa.

19/25 – Marco Bezzecchi (Ducati VR46) entra decimo, Bastianini (Ducati Gresini) undicesimo. Ancora vicinissimi Martin (Ducati Pramac) ed Espargarò (Aprilia), lo stesso copione di tre giri fa: sorpasso e lungo e rientro nelle posizioni precedenti.

18/25 – Quartararo (Yamaha) recupera la migliore posizione superando Marini (Ducati VR46). Semper Martin (Ducati Pramac) testa davanti ad Aleix Espargarò (Aprilia).

17/25 – Nei pressi del ricongiungersi alla coppia di testa Alex Rins (Suzuki), ma non riesce a discendere sotto il 1″6 per il momento.
Arriva il sorpasso di Aleix Espargarò, lo Spagnolo dell’Aprilia supera in staccata il connazionale della Ducati. Ma arriva lungo e Martin torna in testa.

16/25 – Lungo per Enea Bastianini (Ducati Gresini), che rientra in pista in tre posizioni. Aleix Espargarò (Aprilia) è sempre più minaccioso alle spalle di Jorge Martin (Ducati Pramac).

15/25 – La top10 a dieci turni dal termine:
1. Martino
2. Aleix Espargaro +0,2
3. Risciacqui +1,8
4. Guarda +3.9
5. Vinales +5.1
6.Bagnaia +6.5
7. Cartella Brad +7.0
8. Bastianini +8.1
9. Marini +8.1
10. Quartararo +8,5.

14/25 – Caduta per Pol Espargarò (Honda), che ha perso la quinta posizione contro Vinales (Aprilia).

25/13 – Semper Martin (Ducati Pramac) e Aleix Espargarò (Aprilia) in coppia in testa. Quartararo (Yamaha) è undicesimo, negli scarichi di Bastianini (Ducati Gresini).

25/12 -Al momento i più veloci sembrano essere Aleix Espargarò (Aprilia) e Alex Rins (Suzuki).
Bagnaia (Ducati) ha superato Marini (Ducati VR46) per la settima posizione.

25/11 – Martin (Ducati Pramac) ha mezzo secondo di vantaggio il suo Aleix Espargarò (Aprilia). Rins (Suzuki) scende sotto i due secondi.
Il vincitore di Mandalika, Miguel Oliveira (KTM) è 13°, Jack Miller (Ducati) 14°.

25/10 – I primi 10:
1. Martino
2. Aleix Espargaro +1.0
3. Risciacqui +2.2
4. Pol Espargaro +2.7
5. Guarda +3.6
6. Vinales +5.2
7. Marini +5.4
8.Bagnaia +5.7
9. Cartella Brad +5.7
10. Bastianini +6.9.
Nella crisi Yamaha, Quartararo era 11°, Darryn Binder 17°, Dovizioso era con il gruppo con 3 virate, Morbidelli ritirato.

25/9 – Ora mezzo secondo tra Martin (Ducati Pramac) e Aleix Espargarò (Aprilia). Stavolta la manovra di Vinales (Aprilia) va segno e guadagna la sesta posizione.

25/8 – Girano appaiati – due decimi di distaco – Martin (Ducati Pramac) e Aleix Espargarò (Aprilia). A 2″4 dalla vetta c’è Rins (Suzuki).

7/25 – Problemi per Franco Morbidelli (Yamaha), che rallenta ed entra in area.
Nel frattempo sorpasso e controsorpasso tra Marini (Ducati VR46) e Vinales (Aprilia) con l’italiano che resta sesto.

25/6 – Joan Mir (Suzuki) ha superato Marini (Ducati VR46) ed è quinto. Bagnaia (Ducati) è ora ottavo. Rins (Suzuki) ha scavalcato Pol Espargarò (Honda) per la terza posizione.

25/5 – I primi 10:
1. Martino
2. A. Espargaro +0,4
3. P. Espargaro +1.9
4. Risciacqui +2.3
5. Marini +2.7
6. Guarda +3.0
7. Vinales +3.4
8. B. Cartella +3.8
9.Bagnaia +4.1
10. Bastianini +5.5.
Caduta per Zarco (Ducati Pramac) alla curva 2.

25/4 – Martin (Ducati Pramac) e Aleix Espargarò (Aprilia) sembrano poter fare gara a sé.

25/3 – Martin (Ducati Pramac) ha un decennio di vantaggio su Aleix Espargarò (Aprilia). Al terzo posto Pol Espargarò (Honda) un 1″5, poi Rins (Suzuki) e Marini (Ducati VR46) un 1″7.
Vinales (Aprilia) è 7°, Bagnaia (Ducati) 9°, Bastianini (Ducati Gresini) 10°. Molto macho le Yamaha, con Quartararo 13° e Morbidelli 20°.

25/2 – Martin (Ducati Pramac) guidato da Aleix Espargarò (Aprilia), quasi un secondo da Marini (Ducati VR46), Pol Espargarò (Honda) e Rins (Suzuki).
Rientra già ai box Andrea Dovizioso (Yamaha WithU), per lui gara finita. Viñales (Yamaha) è 7°, Quartararo (Yamaha) 13°.

Semaforo verde per il Gran Premio d’Argentina – Alla prima curva transita in testa Jorge Martin (Ducati Pramac), alle sue spalle Luca Marini (Ducati VR46) e Aleix Espargarò (Aprilia).
Quest’ultimo però recupera velocemente la seconda posizione. Quartararo (Yamaha) è 9°, Bastianini (Ducati Gresini) 11° e Bagnaia (Ducati) 13°.

19.58 – Via al giro di ricognizione. 67 mila gli spettatori assiepati sugli spalti dell’autodromo argentina.

19.55 – Cinque minuti per la via, tutto presto per Termas de Rio Hondo.

19.45 – Scelta delle gomme Michelin: tutti e 24 i piloti monteranno un Hard all’anteriore e un Soft a posteriore.

19.40 – La Griglia di partenza del GP d’Argentina (25 Giri):

1a fila 1. Alessio Espargarò 1:37.688
aprilia
2. Giorgio Martino 1:37.839
Ducati Pramac
3. Luca Marini 1:38.119
Ducati VR46
2a fila 4. Politica espargarò 1:38.165
fionda
5. Hipster Vinales 1:38.196
aprilia
6. Fabio Quartararo 1:38.281
yamaha
3a fila 7. Alessio risciacqui 1:38.455
suzuki
8. Giovanna Guarda 1:38.516
suzuki
9. Giovanni Zarco 1:38.537
Ducati Pramac
4a fila 10. Takaaki Nakagami 1:38.576
imbracatura lcr
11. Brad Raccoglitore 1:38.932
KTM
12. Enea Bastianini 1:38.566
Ducati Gresini
5a fila 13. Francesco bagnaia 1:38.610
Ducati
14. presa Mugnaio 1:38.584 (penna)
Ducati
15. Franco Morbidelli 1:38.805
yamaha
6a fila 16. Michele Oliveira 1:38.871
KTM
17. cornice Bezzecchi 1:38.877
Ducati VR46
18. Andrea Dovizioso 1:38.938
Yamaha con U
7a fila 19. Alessio Marchese 1:39.095
imbracatura lcr
20. Fabio hanno dato Giannantonio 1:39.126
Ducati Gresini
21. Raul Fernandez 1:39.153
KTM Tech3
8a fila 22. Remy giardiniere 1:39.159
KTM Tech3
23. Darryn Raccoglitore 1:39.380
Yamaha con U
24. Stefano bradl 1:39.487
fionda

19.35 – Questa la top5 della classifica piloti dopo due gare:

1 Enea Bastianini Ducati 30
Due Pizzo Raccoglitore KTM 28
3 fabio Quartararo yamaha 27
4 Michael Oliveira KTM 25
5 John Zarco Ducati 24

19.30 – Saranno 25 i tour in programma in Argentina, per un totale di 120,2 km. Il percorso Termas de Rio Hondo, inaugurato nel 2008, si compone di 5 curve a sinistra e 9 a destra, per un totale di 4,8 km.
L’ultima gara disputata nel 2019 ha visto Marc Márquez, davanti Valentino Rossi e Andrea Dovizioso. Il primatista di vittorie è Marc Márquez, a quota 3.

19.00 – Nell’inedito fine settemana di due giorni di Termas de Rio Hondo (accorciato per i non problemi relativi al ritardo del carico con i materiali), l’Aprilia è parsa veloce in tutte le sessioni sinora disputate. Aleix Espargarò è stato infatti il ​​più rapido nella Prove Libere 2, nelle Qualifiche ed infine nel Warm Up, dando merito al figlio di Noale della prima vittoria in MotoGP. Bene anche Maverick Vinales, che girerà su via dalla quinta casella dello schieramento, in seconda fila. I rivali più insidiosi per la casa italiana sembrano essere Jorge Martin (Ducati Pramac) che partirà 2° e Fabio Quartararo (Yamaha), 6°.

VET | Stefano Ollanu

PRENOTAZIONE RIPRODUZIONE

Add Comment