F1, Mick Schumacher a Jeddah: “Non volevo uscire dall’auto”

ROMA – La macchina spezzata in due e Schumacher che rimane immobile nella vettura. Sabato ci sono estati momento di forte scorso a Jeddah, quando il pilota tedesco è andato a sbattere contro le sweepe dell’Arabia Saudia circuit in Formula 1. Attimi che hanno fatto pensare al peggio e che l’alfiere della Haas spiega così a cielo germania: “All’inizio non volevo uscire. So che sto arrivando con un’altra macchina dietro dimmi educaree di conseguenza, ho solo controllato per vedere se tutto a posto. Probabilmente se fosse tagliato qualcosa. Volevo davvero avvisare che stavo bene“, faccio causa sulla parola.

Se Punta l’Australia

La Haas di Schumacher ha colpito la sua morte Gran Premio dell’Arabia Saudita generando a forze pari a 33 volte la gravità terrestre. A spinta che in frazioni di secondo si è abbattuta sul corpo del pilota, che negli istant successivi da subito interagito con i soccorsi. Schumacher si stava avvicinando a Jeddah nella Q1, quando il cordone aveva fatto superare il suo futuro, rischiando di perdere il controllo della Ferrari motorizzata bolide. Messo in archivio questo brutto episiodio, ora il figlio del sette volte iridato vuole il riscatto per il Gran Premio d’Australiala terza parte di questa Formula 1 2022 nella quale il giovane figlio d’arte chercherà i primi punti iridati.

Add Comment