MotoGP, Enea Bastianini amaro: “Non abbiamo capito niente”

Enea Bastianini lascia Termas de Rio Hondo perdendo la leadership del campionato MotoGP. Il 10° posto nel GP di Argentina gli consenti di aggiungere altri 6 punti al bottino iridato, piazzandosi al 3° posto a quota 36, ​​a par punti con Alex Rins, ma c’è amarezza nell’animo del pilota al fin della gara. Nella seconda parte, Luca Marini ha provato a lungo un sorpasso staccato, un errore che è costato parecchie posizioni.

Bastianini perde la leadership in MotoGP

Fra pochi giorni il pilota del team Gresini Racing ritornerà in pista ad Austin, un tracciato radicalmente diverso da quello argentino. “Questo è un garage davvero difficile, non ero all’altezza del compito con la moto. Ho trovato il feel nel warm-up, ma al pomeriggio l’ho perso di new. In questa gara qui non ci abbiamo capito niente. Non devo essere felice. Stavo riprendendo il mio ero troppo impiccato, quando provo qualcosa in più facevo degli errori, è un weekend da dimenticare“.

Una condizione in parte è il risultato e il ritardo nell’arrivo del caso che è costato il lavoro notturno al team Gresini, supportato dai tecnici Ducati. Ma la cancellazione del venerdì ha previsto il suo lavoro con la Desmosedici GP22, una pista dove non aveva mai corso con una MotoGP. “Sicuramente mi girerò di più Non siamo riusciti a centrare l’obiettivo, senza quegli errori in gara sarei più avanti, ma per me non sarebbe stata comunque una bella gara“. Il suo manager Carlo Pernat invita il bicchiere mezzo pieno a salvare: 3° posto in classifica con vittoria in cassaforte…”Io sempre punti servono”, Bastianini ha concluso. “Non riuscivo a gestire bene il bicchiere posteriore… Per adesso tengo il bicchiere mezzo vuoto“.

Diggia fuori dalla fine

No è andata meglio al compagno di squadra Fabio Di Giannantonio che si è ritirato a pochi giri dal traguardo. “Non è un giorno feriale positivo. Poco tempo in pista e purtroppo la caduta di oggi a pochi chilometri dal traguardo. È stato un momento complicato su una curva molto veloce. Fortunatamente, suono cavata con qualche graffio e con una botta all’addome senza conseguenze. Adesso dobbiamo avrò la testa bassa e continuerò a lavorare“.

Add Comment