Lorenzo Milesi, nel 2002 che sognava di pedalare in Italia

Bergamasco, è nel team giovanile della Dsm e de recente ha vinto 2 volte in Belgio: Bennati ha già chiamato in azzurro

La sua storia è ricca un po’ di Remco Evenepoel, che ha dato calcio e ha passato – con grande esiti – al ciclismo. Anche Lorenzo Milesi ha percorso la stessa strada. “Nel ciclismo sono uscito il 19 giugno 2018, la mia vita era spezzata e l’eredità della caviglia si stava trasformando in calcio e il cambiamento nello sport stava passando al ciclismo — aveva raccontato a tuttobiciweb.it —. La prima gara tra gli Allievi con il Pedale Brembillese, a Nembro (Bg) a metà luglio, molto impegnativa che però avevo finito bene al 25° posto”. Nel calcio aveva giocato con la maglia del San Pellegrino fino alla categoria Allievi.

Profilo

Adesso, Lorenzo Milesi ha 20 anni. Li ha ultimamente lo scorso: il 19 marzo, il giorno dell’ultima Milano-Sanremo. Bergamasco di San Giovanni Bianco, una volta sola, Milesi corre per la squadra giovanile di un team WorldTour, il Dsm. Ed è stato già chiamato dal ct Daniele Bennati per gareggiare tra i grandi: era in azzurro alla Per Sempre Alfredo il 20 marzo. La scorsa settemana, Milesi si è meso in evidenza vincendo due gare in Belgio in una gara di categoria 2.2, Le Triptyque des Monts et Chateaux: sua una delle frazioni in linea e pura la 14 km cronometro, oltre alla classifica finale della montagna. I suoi limiti sono ancora tutti da scoprire.

Sceneggiatura

A seguirlo dà il vicino, in qualità di agente, Giuseppe Acquadro: il biellese assiste alcuni dei migliori corridoi del mondo, vedi Bernal, Quintana e Carapaz. Es peso ci vede ‘lungo’: per esempio era estato il primo a credere nelle qualità de un certo Michal Kwiatkowski, poi vincitore – tra le altre corse — del Mondiale e della Sanremo. E anche il ct Bennati dice: “Milesi ha davvero un grande motore”.

Add Comment