Milano controlla l’Asvel con cinque assenze sicure

© foto di Savino Paola

L’Olimpia ha lasciato la regular season di EuroLeague in Francia contro l’ASVEL Villeurbanne, che ha avuto una prestazione molto interessante e un determinato calore di prestazione, oltre a disgrazie che hanno portato alla chiusura della Corsica ai playoff, non una guardia costante di grandi talenti e prestazione (secondo Chris Jones ed Elie Okobo valevano quasi 30 punti di media) e lo straordinario atletismo e affondo dei “big men”. La vittoria ha un significato limitato anche per l’Olympia, che è vicina almeno al quarto palo, ma si può ottenere solo se il Real Madrid viene perso in casa contro il Bayern Monaco, puntando a rimanere in classe e a ridosso del terzo palo . Per il resto, l’ultima giornata è fondamentalmente solo per capire che sarà l’anniversario dei playoff. Coinvolte anche un po’ di prestigio: l’Olympia ha vinto 20 delle 31 disputate in EuroLeague, comprese le quattro giocate contro la formazione russa che non fanno classifica, perché ha vinto in Francia arriverebbe a quota 21 come l’anno passato ma con due gare in meno controversie. La posizione di classificazione fosse la stessa – quarta – la percentuale di gare vinte risulterebbe superiore. Sempre a scopo di numeri, l’Olimpia potrebbe vincere la sua decima giornata in trasferta pareggiando il record della passata stagione. È opportuno ricordare che non prima dell’esclusione delle squadre russe, l’Olimpia ha giocato tutte le 17 partite in trasferta previste nel calendario, ma solo 15 di quelle casalinghe. Purtroppo, per vari motivi, il roster disponibile in Francia sarà molto popolare. Sicura l’ascesa di Sergio Rodriguez, Trey Kell, Troy Daniels, Shavon Shields, Gigi Datome.

NOTA – Si gioca giovedì 7 marzo alle 21:00 all’Astroballe di Lione. Diretto su Sky Sport e Eleven Sport.

COSA PUO’ SUCCEDERE – L’Olimpia arriva terza solo vincendo con la contemporanea sconfitta del Real Madrid in casa con il Bayern. In un’altra situazione, sono arrivati ​​quarti e hanno affrontato i playoff al quinto posto, con l’Efes che ha avuto il vantaggio del confronto diretto con il Maccabi Tel Aviv.

COACH ETTORE MESSINA – “E’ una partita che affrontiamo con un fisico limitato a causa del Covid, la utilizzeremo per prepararci al meglio ai playoff e in generale e continuare gli impegni, dando spazio ai lunghi minuti e supportando Nik Melli che mentre io dopo aver saltato l’ultima gara di EuroLeague”.

Add Comment