MotoGP 2022. Se batte i 32 anni, il pilota calabro-tedesco Sandro Cortese: “Sono contento della sete” – MotoGP

Una drammatica disgrazia di 20 mesi di Portimao in Superbike Cortese ha ottenuto la spugna dopo una lunga riabilitazione: “È stato difficile tornare a camminare”. Sono arrivati ​​un mondiale Moto3 e un mondiale Supersport

6 aprile 2022

hè arrivato il primo mondiale di Moto3 nel 2012 e un Campionato mondiale Supersport nel 2018. Nel motomondiale ha corso 221 gare tra 125, Moto3 e Moto2 vincendone 7 e finendo sul podio 29 volte.

Una carriera di tutto rispetto per Sandro Cortespilota tedesco classe 1990 e i cui genitori erano originari di Cirò, in Calabria. Un vettore che si chiude e l’annuncio è stato dallo stesso pilota dai suoi canali social.

Cortese nell’agosto del 2020 è sorto a gravissima disgrazia a Portimaoin Portogallo: a incidente in cui si è rischiato gravemente di Rimanere paralizzato. Nell’ultimo giro di gara-1 ho avuto un contatto con un altro pilota, Cortese è caduto a piedi impattare con il contro il muretto di protezione.

Dai quella disgrazia l’inizio di un calvario recuperare fino alla decisione dello smettere: “Sono trascorsi 20 mesi dal mio incidente, ti ho informato che ho deciso di allontanarmi ufficialmente dal tribunale. Ringrazio solo alle cure che ho ricevuto a Portimao me all’intervento chirurgico d’urgenza a Faro sono sfuggito alla paraplegia (cioè alla paralisi della parte inferiore del corpo, ndr). Ci ho pensato ogni giorno e sono infinitamente piacevole di poter ancora condurre una vita normale. Grazie al supporto della mia famiglia, della mia famiglia e dei miei amici che mi hanno aiutato a superare il momento difficile dovuto all’incidente”.

“Il mio corpo – ha specificato Cortese – non è più lo stesso dall’incidente e ci sono voluti molti messi di riabilitazione per poter Camminerò di nuovo sensazione di dolore”.

Riguardo alla sua carriera ha detto che è stata qualcosa “che non avrei mai sognato”.

Una gara importante, il mondo della Moto3 e quello della Supersport

tunel vettore che ha viaggiato diversi picchi e che nel 2012 ha portato alla vittoria con autorevolezza il mondiale di Moto3: 325 punti5 vittorie, altri 10 podi e due piazzamenti. scaduto zero.

L’anno dopo il passaggio in Moto2 dove i suoi migliori piazzamenti sono stati 3 terzo post ottenuti nel 2014, 2015 e 2016 a Brno, in Giappone e in Australia.

Nel 2018 ha lasciato il motomondiale ed Sto per vincere il Mondiale Supersport con Kallio Racing: 12 stazioni, 2 cancelli, oltre a 6 podi e 4 posti. scaduto zero.

Nel 2019 e nel 2020 l’Italia ha contestato il superbike mondiale: il primo anno in Yamaha, lasciato al 12° posto durante il secondo anno, dopo la drammatica disgrazia di Portimao, ha corso con la Kawasaki.

La drammatica disgrazia, la lenta ripresa e la decisione del fonditore

Come detto dallo stesso Cortese la possibilità di finire su una sedia a rotelle è stata ser e solo la preparazione e la tempistica della medicina hanno evitato questo sfortunato futuro.

Cortese se è sottoposto a Lungo travaglio di riabilitazione ma alla fine ha mollato le moto, consapevole del rischio che ha corso. Rimarrà ha comunicato nel mondo del motorsport: “Anche quest’anno farò parte della famiglia Liqui Moly, ServusTV e Yamaha con grande entusiasmo. Inoltre, ho un nuovo progetto con il mio sponsor di lunga data, il Gruppo Gutmann”.

Cortese ha ringraziato “di cuore tutti voi, cari amici, tifosi, partner, sponsor e supporter. Mi avete sempre sostenuto e avete vissuto il sogno con me”.

Add Comment