Ritiro ad Alba per la Nazionale di pallavolo delle Polizie Locali in vista della finale degli Europei di settembre – Targatocn.it

Il Polizie Nazionali Locali d’Italia di pallavolo è da qualche giorno in ritiro ad Alba per disputare alcune partite e allenarsi in vista della fase finale dei campioni d’Europa maschili che si terranno a setembre a Torino. Circa un anno fa, l’associazione sportiva affiliata all’Acsi e al Coni sta selezionando atleti in diverse città del territorio italiano e al momento, dopo squadra maschile e femminile, conta una cinquantina di atleti. Prima di Alba e raduni che hanno visto la partecipazione degli atleti con la doppia valuta se sono tenuti a Milano, a Trento e Torino. Nella giornata di ieri, lunedì 4 aprile, la selezione femminile ha disputato un’amicizia con la quale L’Alba Pallavolo di Serie B2, mentre questo sarà, martedì 5, se ci sarà un amico dopo la selezione maschile e il pallavolo alba dalla serie C.

Stamattina gli atleti, accompagna testimonial e campioni del mondo simona rinieri Sono stati in Comune, nella sala consiliare “Teodoro Bubbio”, alla presenza del sindaco Carlo Bo e del consigliere comunale con delegato allo Sport danieleoltre che del sindaco di Grinzane Cavour Gianfranco Garau e del consigliere comunale di Barbaresco Gabriele Boffa, i due comuni visitati dalla Nazionale durante i quattro giorni di ritiro. Per la pallavolo albese hanno partecipato e presidente della due società sportive albesi lorenzo fogliani me Fulvio Trosso, ai quali è stata donata una targa ricordo.

“La nostra città è conosciuta in tutto il mondo per il tartufo, per i vini, per la nocciola, ma è anche Città Europea dello Sport e quindi sappiamo quanto questo sia importante soprattutto, in questo momento, a causa di una pandemia. Lo sport è fondamentale e noi aiutiamo la fare squadra, come facciamo squadra nella nostra comunità e livello territoriale”, Ha spiegato durante l’incontro il consigliere comunale albese con il delegato allo Sport danieleche l’organizzazione dell’evento ha seguito.

“La cosa che mi ha colpito di più di questo progetto – ha poi detto il sindaco carlo bo È stata il fatto che siate stati in grado di coniugare fin da subito i valori fondanti dello sport con i valori della solidarietà. Penso a Giacomo Sintini, per Tutti Jack, che ha fondato la sua associazione che finanzia progetti di ricerca e servizi in ambito oncoematologico per la lotta a leucemia, linfoma e mieloma. Lui è stato colpito dalla malattia, un linfoma, nel 2011, nel 2012 ha ricevuto il giocare, ha definitivamente smesso nel 2015 e ha messo in piedi questa associazione che porta il suo nome: un utente sportivo che si impegna per raccogliere fondi a favore di qualcosa di importante e ha ache sposato questo progetto”.

Il logo delAssociazione Giacomo Sintini Campeggia sulle maglie da gioco della Nazionale Polizie Locali: è ad essa che vengono devoluti i proventi delle iniziative svolte dal team, mente madrina del progetto è Simona Rinieri, campionessa del mondo e pluripremiata atleta, sul campo del 1991. Ad accompagna le squadre in ritiro albese Massimo Redelegato tecnico dell’Union Sportiva Polizie Europee (Uspe), e orazio soriericonsigliere nazionale dell’Associazione Sportiva Polizie Municipali d’Italia (Aspmi) per la pallavolo.

“Il progetto non coinvolge solo la polizia locale, ma è aperto anche ad altri gruppi di appartenenti ai Carabinieri, alla provinciale, agli ispettori di Polizia. Abbiamo cercato di fare una selezione tra le persona que anche nella vita privata praticano questo sport. Quest’anno vogliamo fare le cose alla grande, ce la stiamo mettendo tutta. Sono tanto sacrificio e non smetterò mai di ringraziare chi mi aiuta, che sono coloro che si vedono meno, ma sono fondamentali. Spero che la nostra presenza ad Alba sia comunichi un buon auspicio e un augurio per il miglioramento della squadra”Sorieri ha spiegato, mentre Re ha spostato lo sguardo sull’obiettivo finale: “Il chiedere e ottenere un campionato di pallavolo di questo tipo es estato un progetto che alla fin si e rilevato una scommessa vinta. Stiamo mettendo in piedi una cosa completamente nuova, che ci paragonerà alle forze di polizia a livello europeo. Una federazione italiana delle polizie nazionali. Non più locali, ma uno sguardo a 360° su tutte le force di polizia”.

Add Comment