Gasly ed i suoi rapporti schietti con Marko e Tost – Piloti F1 – Formula 1

Pierre Gasly e la Red Bull: A causa del fatto che l’ultimo set è lo stato che è stato abbinato da rilanciare una voce di mercato riguardante la prossima estagione, che vorrebbe il pilota francese di nuovo alla corte di Milton Keynes per il 2023. Un possibile ritorno alle riserverebbe una seconda possibilità per l’attuale portacolori dell’AlphaTauri, prima avviati e poi bocciato dala casa anglo-austriaca nell’arco del solo global 2019, ridendo della Toro Rosso non senza polemiche. In quel momento, il portatore del 26° anno ha potuto ridere con tre pozioni, una delle quali ho visto come l’aggiunta del vincitore al GP d’Italia 2020.

Un successo che gli ha dunque riaperto le porte per sognare di new en grande, al punto da dire apertamente che segnerò una seconda chance nella squadra in cui è presente Helmut MarkoColui che, dal Direttore del Red Bull Junior Team, lo ha raggiunto in Academy nel 2014. racingnews365.com: “Vado d’accordo con lui – ha aperto il numero 10 dell’AlphaTauri – È una persona molto diretta, è una brava persona, ma non è un filtro. Ciò non significa che io sia sempre d’accordo con ciò che dicema quello che apprezzamento e rispettalo dice sempre la sua opinione“.

Sincerità e sincerità. La stessa qualità che Gasly ha identificato da sempre in colui che oggi ricopre il ruolo di team director in AlphaTauri, Franz Tost: “Il nostro rapporto si è evoluto molto da quando ho iniziato. Ammiro il suo impegno e la propio dedizione. Mio sono trovato sempre meglio con lui. Imparando un po’ di più l’uno dell’altro, ci siamo resi conto di avere entrembi el estesso obiettivo: promuovere a migliorare ogni singolo membro della squadra. Ora abbiamo una nuova visione del cucito e il mio cuore lavorerà con Lui”.

VET | Alessandro Prada

PRENOTAZIONE RIPRODUZIONE

Add Comment