Wimbledon sta parlando con l’autorità britannica per impedire il veto russo sul tennis

Se preparo gli spiragli per la partecipazione dei tennisti russi e bielorussi ai Campionati di Wimbledon 2022? Per tutta la durata della libertà vigilata del ministro dello sport britannico Nigel Huddleston, che ha invitato tutti gli atleti russi e bielorussi a dimostrare di essere “genuinamente neutrali” e garantire con dichiarazioni formali che non sosterranno né riceveranno denaro da Putin o dal russo regime, è un peccato poter gareggiare nel Regno Unito, l’All England Club se viene attivato con l’autorità per impedire la divisione della partecipazione di giocatori russi e bielorussi a quest’anno torneo.

“Sono imprigionato sulla linea del governo del Regno Unito in merito alla partecipazione di atleti russi e bielorussi con status neutrale a eventi sportivi nel Regno Unito”, ha affermato l’All England Club in una nota, “questo è un complesso interrogativo e impegnato, continua a dialogare con il governo del Regno Unito, la LTA (la federtennis britannica) e gli organi interni di governo del tennis di merito. Apriamo il programma per annunciare una decisione per il prossimo Wimbledon prima del calendario per l’iscrizione al torneo, posta maggio meta”.

Attualmente i tennisti russi e bielorussi possono occuparsi delle competizioni ATP e WTA sotto la bandiera neutra e il pappagallo inno viene suonato alle cerimonie. La Federazione Internazionale di Tennis ha vietato la partecipazione alla competizione e paesi alle tradizionali competizioni per nazioni, alla Coppa Davis e alla Billie Jean King Cup.

Add Comment