cosa c’è dietro, davvero – Libero Quotidiano

Bello essere un top-10 mondiale, ma per giocare ad alti livelli, a tennis, il fisico a volte ne risente. C’è l’indimenticabile Roger Federer che tornerà in campo per concludere la sua straordinaria carriera, ma 41 anni deve capire ancora come reagirà il ginocchio dopo l’operazione e, se tutto va bien, lo rivedremo in pista da ottobre. Prima di Agosto, invece, non tornerà in campo Matteo Berrettiniche nelle ultime ore ha da da da forfait per i tornei di Montecarlo, Madrid e Roma, programmati dal 9 aprile al 15 maggio. Il Romano — “Prega il Barcellona per la fisioterapia”, ha detto al suo allenatore Vincenzo Santopadre — è pieno di cerotti ed è tormento ancora dal suo fisico: al dolore agli addominali che va e com, si è aggiunto a problem a la mano.

Gli altri infortunati: cede Medvedev a Sinner – La lista dei tennisti sfortunati è lunga, e viene ricordata da Il Giornale. Oltre a Matteo e Roger, c’è anche il russo Daniel Medvedev, per qualsiasi numero uno al mondo, chi cerca Putin (in Inghilterra e anche considerando la sua esclusione da Wimbledon) ha aggiunto un’ernia che lo porterà fuori dagli schemi per un po’. Il suo rivale que ha finito nella finale degli Australian Open, Rafael Nadal, Ha terminato il suo straordinario inizio di stagione, rendendo tutto il cast indisponibile a causa di una microfrattura da stress al costo. jannik peccatore Sì, non è mai stato ritirato da Miami con i piedi pieni di vesciche, problema meno grave di un sintomo comune della situazione.

Il Giornale: “Tennis, l’argilla leccata è l’intera degli affari” leccare, per Il Giornale, say “ malattiauna chiamata sport business: an atleta dovrebbe anche riposarsi, ma questa necessità non produce denaro — è scritto sul quotidiano — Ed ecco allora che l’anno solare del tennis, che aveva tra metà novembre e fin de dicembre il suo giusto spazio per riposare, adesso ha coperto tutti i buchi possibilindo per dover mettere troppe toppe”. E ancora: “Non basta accettare il match, ma lo sarà anche nello Slam quando il quinto set sarà 6-6 dopo un super tie-break a 10 punti — se l’articolo finisce — la soluzione si starebbe nel correggo il calendario, ammorbidire i campi ormai troppo usuranti, metterò un freno a materiali sempre più estremi che provocano ferite nel fisico dei campioni. Non se farà però, perché ogni pezzo di questo tennis è ormai un affare. E il tennis così resterà a pezzi”.

Add Comment