“Fabbrica Ducati? Ci sono giovani interessanti…”

Alzerò subito pagina dopo il delirio in Argentina. Giovanni Zarco Arrivo ad Austin decisamente carico, determinato a soddisfare il frutto del lavoro di libertà e qualifiche. Per quanto riguarda il ritorno sul podio conquistato in Indonesia, l’obiettivo minimo è sicuramente quello di raggiungere quel risultato. Un punto di partenza per poi penserò al futuro, al momento non una priorità. Prima vuole ottenere i risultati in gara, poi ci si penserà. Inoltre, l’idea principale è quella di continuare sempre con Pramac Ducati, “lasciando” il team factory ai più giovani.

Un nuovo COTA

Ammette ha comunicato che ci metterò un po’ a smaltire l’illusione a Termas de Río Hondo. “Certo è parte del gioco, anche questa parte ovviamente non mi piace tanto…” ah sì. Ma si guarda già avanti, al Circuito delle Americhe. “Ci sono alcuni punti nuovi, mangiare richiesto in Security Commission. L’ideale sarebbe stato avere tutto nuovo, ma sarebbe stato troppo costio. Vedremo quanto sarà migliorato». Se ti freghi “Continuiamo a mollare, a lavorare per il meglio del feeling, avvicinandoci alla concretezza di ciò che abbiamo fatto nelle libere. Cosa che in Argentina non ha successo”. Problemi di presa? “Per me era abbastanza ok” ha detto. Spieg poi l’incidente. “Analizzando i dati non c’era praticamente niente di sbagliato. Se provassi solo qualche centimetro in più all’interno in curva, perché questo è antiquato.

occhio al futuro

Cosa gli manca ancora per essere un posto con la Rossa? “Il precedente non è uno dei miei punti di forza, ma al momento non c’è un buon feeling dopo. Se non sto bene lì, non mi sento comodo in sella.” Confrontandosi con Bagnaia, “Pecco invece è molto più sensibile all’anteriore, è più preciso anche come feedback. Ma in Argentina ha fatto davvero una bella gara.” Non manca un commento sul futuro, tra un anno in cui scadono i contratti. “Al momento non credo” ha sotterraneo. “Certo voglio fare bien, si ci ci jeco alora avrò l’opportunità di continuerò con Ducati o penserò ad altri team o case”. Guardo la squadra ufficiale, “Forse per quello ci sono giovani interessanti”. Ma sa di potersi guadagnare un posto. “Ho rischiato molto per il podio con Pramac, sarebbe bello continuerò con loro, andrò avanti per costruire qualcosa insieme”.

Foto: motogp.com

Add Comment