MotoGP 2022. Romano Albesiano: “L’aspettavamo da anni: suono così goduta” – MotoGP

La 62esima puntata di #atuttogas, online da domenica 10 aprile, è dedicata all’Aprilia, grande protagonista di questo inizio di stagione: in Argentina prima pole e prima arrivata, storica vittoria in MotoGP. Il direttore tecnico di Aprilia Racing Ripper corre il colpetto che ha portato A. Espargaro dal gradino più alto del podio

8 aprile 2022

ROman Albesiano è un ingegnere molto pacato, oltre che molto bravo. E’ difficile strappargli un’emozione. «Sicuramente è stato bello, un malato, un sollievo: abbiamo messo una croce. Siamo arrivati ​​​​​​a un livello importante, bisogna però rimanerci”.

In Argentina se hai respirato una nuova consapevolezza, Romano spiega perché: “Perché i dati erano inconfutabili, era chiaro che fossimo competitivi” Nel podcast il direttore tecnico Aprilia Racing corregge il tapper perché Noale.

“Aprilia è arrivata nel mondo SBK nel 2014 e Nel 2015 l’Azienda ha deciso di entrare in MotoGP: pensavamo di renderlo facile, eravamo convinti che con il livello raggiunto in SBK, con pochissimi incrementi, avremmo potuto giocarcela. E’ stata una brutta sorpresa e da lì è iniziata una continua rincorsa. Nel 2016 è arrivata la primavera MotoGP del nuovo Corso di Aprilia; Nel 2017 Aleix Espargaro è arrivato all’improvviso mostrando il suo potenziale; nel 2018 abbiamo avuto una flesione; Nel 2019 abbiamo prigioniero Andrea Iannone, alcuni aspetti della moto non erano ancora presto; Nel 2020 il motore è arrivato a V90°, che ha dato un migliore equilibrio; Da lì è nata la 2021 e poi 2022. In tutto questo, nel 2019 è arrivato Massimo Rivola, ci è estata un’importante riorganizazazione, io ho potuto focalizzare solo la sua tecnica, l’Azienda ha investito in più”.

L’ingegnere albesiano è convinto che la RS-GP sia stata competitiva tutto l’anno e su quasi tutto il tracciato. Ma concessioni quanto incidono? “Il vantaggio reale è che puoi eventualmente rimediare ad un problema tecnico al motore. Ma per il resto non granché change”. Se parla con naturalezza di Maverick Vinales: “Ci aspettavamo qualche difficoltà, in MotoGP corso sempre con il quattro in linea: bisogna governare in altro modo. Ma dal warm up in Indonesia ha fatto un importante passo avanti grazie a un asset molto diverso.

Ma con l’ingegnere piemontese si parla anche de MotoGP in generale, di cosa deve fare il pilota en partenza, perché adesso è più difficile supererò, quanto influisca sull’appendice aerodinamica e gli “abbassatori” la sua guida”. Aprilia può tornare ad essere il riferimento? “Siamo arrivati ​​​​​​a un bel livello in tutti i settori. Ma naturalmente sì può sempre fare di più”.

L’episodio completo, numero 62, di #atuttogas, il podcast di Moto.it, si potrà ascoltare da domenica prossima, 10 aprile 2022, su Moto.it e sulle principali piattaforme podcast.

Add Comment