MotoGP, Zarco: “Qui ad Austin Marquez vincerebbe anche con un occhio solo!”

Johann Zarco è arrivato negli States anchor deluso dallo zero in Argentina. La cattedra dei francesi, perché mangia quella di mugnaioEntro il 2023 è tutto salvo e per questo è dovuto al cambio in Moto2 e all’atteso ad un migliore risultato a Austin.

“Non è un caso se si presenta Quartararo da Rio Hondo, ma perché la mia riguarda non è un vero problema di vestizione. Non ho potuto lottare dall’inizio, por i ho commesso un errore, ma roba di centimetro ed ho perso l’teriore. Il fatto è che le moto sono molto veloci e si sente molto la scia, non solo in accelerazione, ma anche in frenata: Ho avuto una conversazione con Jack Miller e quando sono in un gruppo o in un altro so di non essere molto postissimo, soffri”.

Zarco non condivide gli stessi problemi di Bagnaia.

“Il precedente non è uno dei miei punti forti, ma io al momento non ho tutta la confidenza di cui ho bisogno al posteriore. Non va bene per lui, non mi sento al sicuro in sella. Per Bagnaia invece è molto più importante della precedente, ma in Argentina davvero ha da bella gara. Secondo me c’è marginale di miglioramento. Non dico che la GP21 sia la migliore della GP22, perché penso che se potesse andare molto bene”.

Il risultato del risultato influenzerà il tuo futuro?

Al futuro per il momento non pensato. Finché riuscire a lottare por el zona podio mi piacerebbe continuerò con la Ducati e con Pramac por qualcosa di buono ed in cui crediamo, ma è vero che sono tanti giovani interessanti. Io non ho un manager che tutte le settimane rompe le scatole. La Ducati conosce molto bene la mia posizione e l’obiettivo principale è quello che faccio in questo momento”.

Zarco è sempre stato piuttosto veloce ad Austin.

“In realtà è un tracciato molto fisico. Per esempio nel recente passato andavo forte ma era difficile farlo tutti i giri di seguito, Inoltre, è vero che stava per darci un’operazione all’avambraccio. E’ questo che mi rende esitante: ho ancora quella sensazione addosso esE ho pensato a cosa era capace di fare Marquez ad Austin, ho pensato che potevo vincere anche con un occhio solo!”

Add Comment