Piloti di Formula 1 richiamati dopo strani avvistamenti nelle auto: Vietato indossare gioielli

Nella nota regolare invitata nel team di Formula 1 in vista del GP d’Australia, la FIA registra una regola che è in vigore da 17 anni se va bene se è un occhio ma su cui, dopo gli strani avvistamenti nei primi due GP del Mondiale 2022, d’ora in avanti ci sarà tolleranza zero.

Ricerca Coppa del Mondo 2022 il Formula 1 con l’introduzione del monoposto ad effetto della sua punta, decisamente il suo spettacolo senza però tralasciare l’attenzione per la sicurezza dei piloti. E così in vista del GP d’Australiaa, terzo round stagionale, dare una parte se ho aumentato la zona DRS sul tracciato di Melbourne (che por la prima volta nella storia del Circus saranno ben quattro) mentre dall’altro si fanno delle raccomandazioni ai piloti per il comportamento da tenere durante le sessioni in pista. E, tra queste, nell’ultimo promomoria invitato in squadra, ce n’è un molto curioso che però la FIA ha ritenuto opportuno ricordare in seguito agli strani avvistamenti fatti nel corso dei primi due Gran Premi stagionali.

La nota del GP d’Australia firmata dal nuovo direttore della Federazione Internazionale Niels Wittich contiene anche l’appendice L, capitolo III, articolo 5 del regolamento sportivo che recita letteralmente: “L’uso di gioielli sotto forma di piercing o catene metalliche al collo è vietato durante il concorso e può quindi essere controllato prima della partenza“. Un promemoria dei dati insoliti che tale norma è in vigore in Formula 1 da lontano 2005 Quando, al termine della supervisione e del pilotaggio, si ridurrà il rischio che eventualmente gioielli possano complicare il funzionamento del monoposto in caso di incidente, se decidessi di introdurre la differenza assoluta.

Mai però finora qualche pilota è stato punito per aver infranto tale regola anche in virtù del fatto che i controlli a riguardo non sono mai stati fatti. Alla luce di ciò la nota ha invitato il team dalla FIA in vista del GP d’Australia sembra voler annunciare che proprio dalla tappa di Melbourne vi sarà una maggiore atenzione a questo particolare: ovviamente il gioco non è valido quando il pilota è dentro o intorno al paddock ma solo quando entra nella macchina per salire in pista e in questo caso c’è violazione dei rischi punito con la multa o eventualmente anche con la pena severa.

Volano gli stracci tra piloti: “IndyCar meglio della Formula 1”, “Parli tu che non hai mai vinto”

Inevitabilmente viene da chiedersi Perché la FIA ha sentito il bisogno di mettere in evidenza dai piloti una regola che è in vigore in Formula 1 da 17 anni? La risposta va ricertata in quanto accaduto nei first due weekend di gara del Mondiale 2022 quando diversi driver sono stati avvistati con anelli e braccialetti all’interno delle loro monoposto. Dopo questo avviso dunque ache su questo apetto d’ora in poi ci sarà tolleranza zero da parte della Federazione Internazionale che vuole sì che el aumento dello spettacolo ma sempre metendo al primo posto la sicurezza dei piloti ben coscia che in certe situazioni anche un dettaglio può fare un’enorme differenza.

Add Comment