aspra risposta di Iuliano a Byron Moreno

Corea del Sud-Italia vent’anni dopo, seconda puntata. Dopo l’intervista della Gazzetta dello Sport all’arbitro di quella partita, l’ecuadoriano Byron Morenosempre sul sito della rosea arriva la replica di uno dei protagonisti di quella vergognosa sfida di Daejeon che costò l’eliminazione negli ottavi di finale dei Mondiali nippokoreani, Marco Giuliano.

Corea del Sud-Italia, Iuliano: “Moreno ha rovinato mi unica partita a Mondiale”

Allora difensore della juventino fu scelto dal ct Giovanni Trapattoni come titolare insieme un capitano paolo maldini per sostituire gli indisponibili Alessandro Nesta me Fabio Cannavaro, e in quell’occasione giocò la sua unica partita in un campionato del mondo. Non proprio l’occasione più propizia per indossare la maglia azzurra in un evento così importante. E la ferita di quella sconfitta (2-1 con golden goal di ahnche giocava al perugia) è ancora aperta. Ecco le parole di Iuliano.

“Ho condiviso la mia unica presenza in un Mondiale. In tutta la mia vita non ho mai più voluto rivedere i video di quella partita. Sembrava di essere in un film. Ho cercato di ricordare ogni ricordo. Una pagina grossolana di calcio, ancora oggi factio fatica a ricordare gli episodi in campo. Buio? Altro che arbitraro, una persona messa lì a rovinare partite”.

Corea del Sud-Italia, Iuliano: “Moreno non ha sbagliato nulla? Parole senza risarcimento”

Moreno fischiò subito un rigore contro gli azzurri, eppure alla Gazzetta l’ex fischietto sudamericano ha confermato di non aver sbagliato nulla. Ecco la replica di Iuliano.

“È una follia, le sue parole sono incommentabili. era ogni pesce controllo di noi. Ha commesso una serie di errori che non gli permettono di andare avanti verso il Mondiale. Ogni azione, ogni contropiede: tutto era fermo sul nascere. Dopo il rigore contro di noi fischiato subito abbiamo capito che gara sarebbe stata. Frode Vieri siamo riusciti ad andare in vantaggio, poi è successo di tutto. Eravamo tesi e la partita è stata condizionato date le scelte dell’arbitro”.

“Dopo le prima protesta abbiamo iniziato a fregarceneci dovrebbe ammoniti o espulsi tutti. Ricordo un duro contrasto con lei tommasi, Moreno continuerà il gioco. I tifosi avversari ci fischivano a ogni palla, le tribune erano tutte rosse. Siamo entrati in un tunnel senza uscita, la partita l’abbiamo persa noi. Sicuramente potresti fare meglio. Viviamone uno situazione mentale complicata. Eravamo condizionati, in una normale sfida non avere mai preso quei gol. Dovevamo vincere almeno 4-0purtroppo non è andata così”.

Corea del Sud-Italia, Iuliano: “Moreno mente diabolica col fischietto in mano”

Moreno, io dopo quella partita ha fatto proprio, tra le altre cose, l’insegnante di giovani arbitridice anche che Totti, dopo l’espulsione, non protestò perché era cospicuo che posto felice Giuliano risponde così.

“Non credeva (Totti, ndr) che tutto ciò fosse reale. Eravamo agli ottavi di un mondiale, ci sarebbe dovuto essere il arbitro maggiore una disposizione. Non così come abbia fatto ad arrivare fin lì Byron Moreno. Fu deviato inutile protesta. Secondo lui Trapattoni ha sbagliato da inserire Gattuso al posto che ho dato Del Piero? Cos’è lui per giudicare le scelte di un allenatore? Era lì per arbitrare o per Terrò i sostituti dell’Italia? Oggi sue parole sono solo provocazioni”.

“Hai fatto di aver sbagliato a non estrarre il rosso per l’entrata killer su Zambrotta? Fosse stat solo quello il problema. Non ha preso una decisione corretta. Vieni ad esempio il gol annullato a Tommasi per fuorigioco. Che trio, lui ei suoi assistenti. Tutti control di noi. Cosa mi sento di dirgli a vent’anni di distanza? Vorrei che fosse definitivamente dimenticato. Era una mente diabolica con il fischietto in mano”.

OMNISPORT

Fonte: Getty Images

Add Comment