Sanmauropascolinews.it – ​​​​​​E’ il prossimo scopri s’la palavolo

hanno dato Piero Maroni

1961 – In contralto da sx: Piero Maroni, Silvano Emmi, Antonio Tognacci, Giuliano Gasperoni, Vincenzo Biancoli, Aldo Bacchereti, Mario Maioli. Assenso: Giovanni Mazzotti.

1 – E’ il prossimo a scoprire s’la palavolo

An m’arcord da fat, patch d’e’ temp u n’è pas un bèl po’ ‘t la mi voita,

a giòiva vòi dis-ongg an quant che a palavolo a phaset la mi próima parteida.

Mè a ne savòiva a gnenca che ste zugh acsè us ciames,

la ròida an la j avimi, a doila tota a ne savimi a gnenca ch’l’ai vles.

Dare una bella impressione ad un paèl dla ròida avimi tacaè a sprangòun

‘te’ slaèrgh duvò che adès uj è l’ACLI, a lè da bordello a zughimi a palòun.

La pala era ‘d plastica lizira, da faè du toir sla spiagia senza faès maèl,

l’era snò pruiboi a tucaèla dò volti, pr’e’ rèst us putòiva faè d’incvèl.

Us void che da chi dè a n’avimi e’ palòun giost par cori drì

e acsè di dòpmezdè as truvimi a lè a faè ste zugh nov ch’un s’ putòiva druvaè i pì.

Un ritorno alla trapezesta di un circo, ch’la giòiva vòi segg an e l’era ‘na fata ragaza

tota gagia e d’un bèl ch’la feva melvoji sa che corp e cla gran bèla faza,

l’avnet a lè e la s’ dmandet sla putòiva zughé ènca lì e tot: “Òs-cia che sé!”.

Par faè bela figheura, cmè di mat a s’impgnimi, a tirimi a s-ciupaè.

A simi tot sudì, cvant che da sech l’arivet Gino Stacchini s’un Guzin,

l’avòiva zà zughé un po’ ‘d parteidi ‘t la Juve e l’era e’ nòst campiunzin,

l’era d’instaèda, u n’avòiva gnent da faè e, e pò ès ch’us fos stof ‘d ziré,

cmè che vdet sta bèla biònda e dmandet ènca leu se putòiva zughé.

Adès a simi gasé deur, in cumpagnì se’ zugadòur famòus e sa cla bèla ragaza,

piò d’acsè un s’ pò e alòura la parteida la dvantaèva sempra piò ‘na fadigaza.

Mo al ròbi seri al duret poch, parchè Gino, par faè e’ simpatic s’la sgnuròina,

s’la mèndreta e pasaèva sota e’ sprangòun, eu s’alzaèva e’ palòun ma la manzòina,

pu i deva una sciaparaèda e, u sa capes, e feva sempra e’ peunt.

“Nerd”un ruggito, “è fallito!”. Mo leu e ridoiva, lì ènca e niseun e tnòiva piò i cheunt.

U s’ andeva avaènti a faè cmè ch’ui paròiva ma lòu, mo un gn’era gost a zughé acsè.

“Valà”, un panset, “s’l’è quèsta la palavolo, l’è mèi a lasé perd, l’an fa par mè!”.

1 – Il primo incontro con la pallavolo

Non il mio ricordo tanto bene, perché del tempo ne è trascorso tanto nella mia vita,

avere potuto dieci-undici anni quando pallavolo feci la mia prima partita.

Non so che questa è una cosa che faccio se mi chiamasse,

La rete non l’avevamo, per dirlo tutta neanche sapevamo che necessitasse.

Da un albero della rete accanto, prodotto ad una spranga marrone,

nello spiazzo dove adesso c’è il bar ACLI, lì da bambini giocavamo a pallone.

The palla was di plastica leggera, buona per fare due tiri sulla spiaggia senza farsi male,

Era proibito toccarla solo due volte, ma il resto era normale.

Se vedete in quei giorni non utili il pallone giusto per giocare a calcio,

Così in alcuni pomeriggi praticavamo questo gioco nuovo dove i piedi erano un intralcio.

C’era una volta il trapezista di un circo, che poteva avere sedici anni ed era una ragazzatta

tutta bionda e di un bello che accendeva le voglie con quel corpo e la graziosa faccetta,

venne lì e ci chiese se poteva giocare anche lei e tutti: “Orca che sì, ci farà impazzire!”.

Per fare bella figura con lei, come dei matti ci impegnavamo, tiravamo a muerte.

Eravamo tutti sudati, quando all’improvviso arrivò Gino Stacchini da Guzzino,

aveva già disputato un po’ di partite nella Juve ed era il nostro campioncino,

era d’estate, non aveva nulla da fare e, forse stanco di gironzolare,

mangia questa bella bionda chiese se anche lui poteva giocare.

Ora eravamo gasatissimi, giocavamo col calciatore famoso e con quella bella ragazza

Più di così non si poteva e allora la partita divenne più una fatica pazza.

Ma la serietà durò poco, perché Gino, per fare lo spiritoso con la signorina,

con la mano dritta passava sotto il filo di ferro, si alza il pallone nella mancina,

poi gli dava una sberla e, ovviamente, faceva sempre punto.

“No, no”, gridavamo, “è fallito!”. Ma lui rideva, lei anche e nessuno tenerva più il conto.

Proseguivano mangiare pareva loro, ma non c’era gusto a giocare così.

“Valà”, ho pensato, “è il pallavolo, vorrei perderlo, non fa per me sto gioco qui!”.

Add Comment