video Yamaha per uscire dalla crisi

Andrea Dovizioso ha dovuto spazzare appena arrivato nell’ultimo week-end di MotoGP a Termas, quando aveva rilasciato l’interruttore del precedente dispositivo holeshot nella sua posizione oscillante. Improvvisamente Austin serve un buon risultato segnando se la pressione è sempre faticosa nei box e per poter trovare la possibilità di continuare il carrier anche nel 2023. Ma con la Yamaha M1, che tendo a conoscere bene a fondo, la stampante non è scontata.

Dovizioso studia e video Yamaha

Il pilota forlivese ha alcune idee sul tavolo per dare una svolta a questo Mondiale. L’idea è qui grazie a tutto il video: “Stiamo lavorando molto sui dati. Cerchiamo di analizzare, confrontarci. Ma per un pilota, e soprattutto nella mia situazione, dove devo anchor davvero adattarmi nel modo in cui guido la moto, guarda qualsiasi video il mio aiuto è ottimo“, ha spaccato Andrea Dovizioso ad Austin. “Purtroppo non siamo riusciti a ottenere molti video. Penso che questa sia la fine della settimana su un’altra Yamaha, ma avrò un confronto con altri piloti. simone [Battistella, manager] Ho mostrato tutto quello che ho fatto durante il riscaldamento in Argentina, in un’unica curva, e sono stato in grado di migliorare“.

Dovizioso: ultima tappa della MotoGP?

Per otto stagioni MotoGP il 36enne ha guidato una Ducati Desmosedici GP che ha apprezzato la staccata e la frenata come punti di forza. Il prototipo di Iwata, invece, ha il suo cavallo di battaglia al centro della curva. “Di solito in passato cercavo sempre di fare meno metri in curva. E quella è deviata miniera di base“. In Argentina si è goduto la solitaria lotta per migliorarsi in questo settore, un viaggio che proseguirà fino ad Austin: “Purtroppo governare così per me è innaturale. Non viene diversamente, chi sta perdendo molto tempo“.

Dovizioso spera che la presenza del cameraman Yamaha al COTA acceleri il processo. “È impossibile filmare molti angoli, in una sessione, perché c’è una sola persona [che gira video]”, ha aggiunto Andrea Dovizioso. “Ma avere un confronto tra me e l’altra Yamaha e ho pilotato il mio aiuta molto a capire altri. Quando ho salvato la telemetria puoi capire alcune sew, ma non sai la posizione del pilota. Quindi devi ‘prevedere’ cosa sta succedendo“. Potrebbe essere l’unica occasione per dare una sterzata a questa stagione MotoGP che rischia di essere la sua in carriera.

Add Comment