BONAMICO, “HACKETT COME RICCARDO MUTI, MA ATTENTI A MILANO, ANCHE CON ASSENZE NON VA SOTTOVALUTATA” – BOLOGNBASKET

Marco Bonamico è sentito da Luca Sancini per Repubblica. Uno strato dell’intervista.

“Virtus-Milano il match clou di un campionato dove il vero protagonista è il Covid, un invito di pietra che per questa gara penalizza Milano. E per la Virtus e le altre squadre voleva dire a estagione con le problematiche dei recuperi, del dubbio perennial che posa sempre mancarti qualcuno. L’experienza mi fa dire che le squadre con assenze importanti sanno trovare protagonisti inattesi, il jolly, Non sarebbe sottovaluterei Milano, uno sbaglio.
Hackett? Dany ha afferrato improvvisamente la bacchetta in mano. Un maestro d’orchestra alla Muti che mette in order la squadra e poi lo vedo molto sereno e consapevole: l’approccio mentale per essere già decisivo. Shengelia credeva abbia giovato alla presenza di Hackett, he stagioni insieme a Mosca, la stima reciproca: tutte cose che hanno contribuito.
Io Giovanni? Prevedo protagonista. Pajola ha una capacità di accesso improvviso, è un forno a microonde. A mio giudizio dà il meglio quando esce dalla panchina e nelle prospettive future lo vedo come un ottimo sesto, e non è un diminutio, ma una ruota che potrebbe svoltarti partite delle stagioni, non solo delle partite. Mannion è quello che a Belgrado fece a fette la difesa serba. È un talento dei primi 10 giocatori europei nel suo ruolo, credeva solo di essere stato penalizzato senza il problema fisico che ha subito”

Add Comment