L’Everest Piacenza resta imbattuto per Beltrametti, superato il Monferrato 24-20

L’Everest Piacenza Rugby conquista la sesta vittoria casalinga consecutiva e cinque punti in qualificazione contro il Monferrato per 24-20 grazie ad una partita combattuta e dal finale morbido che ha mostrato il grande carattere della squadra bianconera, ancorata a volta, di ribaltare il risultato nell’ultima azione del gioco.

Davanti al pubblico stesso, che ha sempre sostenuto la Squadra piacentina, il quindici allenato da Grangetto parte all’improvviso con determinazione applicando alla perfezione il piano di gioco impostato per la partita e già al 12′ si trova a condurre per 10-0 grazie a due mete non trasformate, la prima eseguita al 7′ da Bertorello schierato all’ala, che termina con un bellissimo attacco sulla linea dei trequarti, la seconda da Bonatti che ha saputo recuperare in area di porta un invitante passaggio di calcio dell’apertura. Il gioco mosttrato dall’Everest è piacevole, fluido e lascia intendere che la partita sia facilmente instradata sui binari della vittoria. Niente di più sbagliato. Il Monferrato, che fine in quel momento aveva improvvisamente il gioco dei padroni di casa, prontamente reagisce e, grazie anche a una difesa lenta troppo nel riprendere posizione, al 15′ accorcia le distanze camminando in porta con il pallone schiacciato in mezzo ai pali. Facile trasformazione (10-7).

L’everest riprende macinare gioco e per un quarto d’ora abbondante esercita una pressione continua attaccando più volte la linea vantaggio, ma senza risultato. Almeno per la possibilità di meta non concretizzate dai biancorossi. Se arriva al 34′ quando il Monferrato entra nell’area del Piacenza 22 e diventa gara facile per rigore arbitrale per caduta in girone (10-10) e, mentre al confine piacentino, ci sarà calcio facile di punizione, è il Monferrato che nel lockdown del primo tempo se la porta in vantaggio, trasformando un altro calcio di punizione (10-13). Al termine del primo tempo, è evidente che, con una coppia migliore e non il predominio nella mischia ordinaria, la squadra piacentina ha perso concentrazione ed efficienza nel gioco, commettendo numerosi errori e sprecando occasioni, situazione di attenzione se è avvantaggiato il Monferrato che invece ha acquisizione fiducia e coraggio sia da ribaltare lo svantaggio iniziale.

Il secondo tempo inizia la sua finta come se avesse finito il primo: Monferrato aggressivo e presto ad approfittare dei tanti errori commessi dalla squadra piacentina e così all’11’ minuto schiaccia ancora il pallone in porta in mezzo ai pali (10-20). La festa semina ormai salutamente in mano ai piemontesi ma è l’Everest Piacenza che, ripartendo dalla superiorità in mischia, trova la giusta chiave di litura. Pur avendo a disposizione calci di punizioni piazzabili, sceglie di giocarseli in mischia ordinata e questa volta la scelta si rivela quella giusta; Faccio una serie di “pick and go” degli avanti è Marazzi a segnare. Trabacchi trasforma (17-20). Tra i fatti cambi di allenatore Grangetto, si segnala l’entresso in campo di Giovanni Franchi che così rinnova la sfida con il padre Claudio allenatore del Monferrato. I minuti trascorrono veloci, Piacenza insiste, ma commette ancora troppi errori e concede troppi falli agli avversari per poter essere pericoloso.

Se arriva con l’ultimo istanti d’oro quando l’Everest Piacenza ha a disposizione un calcio poco punitivo dalla linea dei 5 metri avversari che i piacentini hanno deciso di non giocare con la mischia ordinata. Per arginare lo strapotere della mischia biancorossa, il Monferrato ricorre al mancato prontamente rilevato dall’arbitro; la conseguente punizione si trasforma nuovamente in mischia. Questa fase di gioco se l’è battuta per qualche volta, con il Monferrato in vantaggio che presto fallisce sistematicamente l’arbitro che però non tiene la sua sanzione con un rigore. Se il Piacenza vuole vincere deve arrivare al traguardo superando le diverse avversità. Alla fine è Marazzi (premiato come migliore in campo), a concretizzare l’immensa mole di lavoro svolta dall’avanti segnando il quarto gol piacentina che vale il punto bonus. Trabacchi si trasforma per il punteggio finale di 24-20.

EVEREST PIACENZA-MONFERRATO 24-20

EVEREST PIACENZA: Mas, Nosotti (8′ Viani), Crotti, Sanchez, Bertorello (31′ Franchi G.), Trabacchi J., Negrello, Fornari, Marazzi, Casali Ale., Bonatti, Casali Alb., Rapone (10′ st Battini), Baccalini, Alberti A. (10′ st Alberti M.). Tutti: Grangetto

MONFERRATO: Giorgis, Minoletti, Dapavo, En Naour, Travaglini, Superregui, Quiroga, Shelqeti, Perez, Sciacca, Carafa, Grassotti, Canta, Dalmasso, Chibsa (20’st Gallo). Tutti: Franco C.

Arbitro: Erasmo di Treviso

Marcatori: 8′ su Bertorello (5-0); 13′ su Bonatti (10-0); 16′ mt Travaglini tr Superregui (10-7);
36′ cp Superregui (10-10); 40′ cp Superregui (10-13); secondo tempo: 10′ mt Giorgis tr Superregui (10-20); 19′ mt Marazzi di Trabacchi J. (17-20); 40′ mt Marazzi di Trabacchi J. (24-20)

PROSSIMO TURNO: Appuntamento a Domenica 24 Aprile, Everest Piacenza atteso da Amatori Capoterra.

Foto: Monica Dallavalle

La partita viene trasmessa in diretta streaming sul canale Facebook del Piacenza Rugby Club e prosegue con aggiornamenti flash e interferenze dal microfono di Stadio Sound.

Add Comment