Montecarlo, Lorenzo Musetti batte il vento e un pare discontinuo

dai il nostro invito a monte carlo

lorenzo musetti gesticolando meglio di Benoit Paire i nervi e il vento, che oggi soffia fortissimo sul Principato. L’azzurro domina il primo set con autorevoluzione e solidità. Progressivamente i francesi acquistano maggiore fiducia nelle condizioni atmosferiche e sono molto competitivi, mentre l’italiano è difficile da rischiare ma alzerà il morale. Benoît spreca cinque set point sul 5-3 ma, nel tie-break, all’ottava palla del set, fa suo secondo il parziale di 7 punti 4. Tutavia, sul terzo, accendere definitivamente l’interruttore e, per lui, continua la festa degli errori. Musetti, al contrario, concentrato e ordinato, veleggia versetto la vittoria. Dopo poco più di dovuto pregare, La partita è stata sua con il punteggio di 6-2 6-7(4) 6-2. Per Lorenzo è la prima vittoria in carriera al Country Club.

IL FESTA – C’è un unico precedente – in quel di Miami – contro Lorenzo Musetti e Benoît Paire, vinto dall’azzurro con un doppio 6-3. Paire sta attraversando un momento critico visto che nessuno dei due tornei ATP è stato inanellato dall’inizio della stagione otto sconfitte (eccetto le due vittorie all’Australian Open). Per Musetti vince un bilancio di 7 vittorie in 8 dispute nel 2022.

C’è subito una possibilità di break per Musetti nella partita inaugurale, prontamente annullata da Paire con una smorzata ad hoc. Ma con un doppio fallimento, il francese gliene consegna un’altra; arrivato a causa di un errore di Benoît e del prezzo del cinturino di servizio. Paire fatica ad entrare in partita e Lorenzo lascia l’ancora sul 2-0. Non aiuta la reazione del tennista di Avignone, che recupera tutto il suo vantaggio. Illinois forte ven che soffia oggi sul Principato non aiuta nella regolarità degli scambi ma Musetti riesce a gestirlo benetant’è che mette a segno un altro break, 3-2 per lui.

Se Paire, a causa del vento, non rischia di sfoggiare le sue soluzioni di tocco, Musetti invece regala al pubblico della Corte Ranieri III deliziosi colpi. L’azzurro è preciso, tonico, ordinato, contrariamente a Paire che sembra privo di energie e senza grandi motivazioni. Lorenzo allunga distanza sud 5-2. Con l’ennesima palla cacciata in rete da Paire, Musetti intasca il primo ha segnato 6-2 in 31 minuti.

Ma è un attimo e l’inerzia della partita cambia tutto. Paire vicino di variare il gioco, nostante le folate di vento. Manovra bene gli scambi, se si concentra e incontrato un segno il break che lo porta sul 3-1; Tuttavia la reazione di Lorenzo non se partecipate e, grazie a tutti per la buona mano e alle variazioni, confeziona il controbreak, riavvicinandosi sul 2-3.

Applausi sonori parteno dagli spalti del Centrale, con i tanti spettatori italiani deliziati dalle volée, le smorzate ei passanti puliti di Lorenzo. C’è il pareggio. Ma se non mi sento un fan di Benoît. Il francese prega è in partita e sorprende ancora l’avversario al servizio, allontanandosi ancora sul 5-3. Lorenzo salva un set point e Paire spreca il secondo con un dritto affossato a rete. Per la gioia dei tifosi di Francia, Benoît ottiene un terzo con un alto volée di rovescio. Ma spreca ancora, così come non sfrutta neanche il quarto e il quinto, mancando sempre il controllo della palla. Ora è Musetti ad avere la possibilità di prevalere sul servizio dell’avversario e questi gli facilita il compito grazie ad un malaugurato doppio fall. Il francese fa e disfa la sua tela me Lorenzo è bravo a rimarere concentrato e attaccato allo score, tant’è che annulla le distanza pareggiando sul 5-5. Sul 6-5, Paire ha ancora dovuto setpoint -sette in totale con gli altri cinque – ma li vanifica entrambi.

È lo spareggio.

Ora Paire non fallisce e Musetti è troppo passivo. Negli ultimi punti decisivi il transalpino rimane sempre in vantaggio avanzando prima sul 4-1 e poi sul 6-4, cercando di ottenere l’altro setpoint. Ed è così bravo. Il set è suo per 7 punti a 4.

Tutto da lotteria, dunque.

L’andamento del match si ribalta di nuovo. Ora è l’azzurro ad accendersi subito redini del gioco, in vantaggio per 3-1. Al decimo doppio fallimento, Paire perde il controllo, spaventa l’altra pallina le tribune e accende l’avvertimento; è nuovo disunito, impreciso e sempre più difettoso, Musetti corre sul 4-1. Il carrarino vendita ancora 5-2. Il primo matchpoint svanisce. Ce n’è un secondodo e finalmente può festeggiare con l’”allegra combriccola (come scrive sulla telecamera), venuta dalla Liguria per fare il tifo per lui: “Quest’anno a Montecarlo è davvero una splendida esperienza, speriamo di continuareLorenzo dice, Felice, un brodo dopo il match. Al secondo giro, la racchetta verrà inserita con la testa di serie n. 6 Felix Auger-Aliassime. 1-1 a confronto diretto, tutti nel 2021 ea terra.

La tavola completa di Montecarlo

Add Comment