F1 | GP del Bahrain 2022: l’altro podio – Formula 1

Vincere un Gran Premio se non uso analisi e classifiche, numero e parole. Immagini che confluiscono in quella più bella: i festeggiamenti del podio, dove i piloti tornano bambini e si ricoprono di champagne. Ricordandoci che questo, alla fine, è uno sport, e come tale va interpretato: sul serio, ma devitendosi. Proprio dal podio e da questo spirito, si diffonde un format che ha invitato, dove saranno scelti i tre promossi e tre bocciati dei vari Gran Premi di F1: è il turno del Bahrain.

F1 | GP del Bahrain 2022, il podio della promozione
uno. ferrari. Prima anchor di Leclerc e della doppietta con Sainz, c’è il riscatto di un team, di un’atmosfera e di un popolo. Due anni di contumelie, professionalità insultate da personaggi (anche addetti ai lavori) che al massimo hanno avvitato delle lampadine, con risultati alternativi. E poi la rinascita, anticipata dai test ma non del tutto attesa, come se gli ultimi anni Avessero abituato i ferraristi alle fregature: “Sì, siamo veloci, ma la Red Bull di più“; “La Mercedes sbuca nelle qualifiche“. Poi sta per finire che la Red Bull cuoce a causa del power unit, l’arrivo di Mercedes ma intanto non c’è, ea Sakhir rimane proprio lei, la Ferrari. Che contesta a fine settimana perfetto, al passo del Venerdì al pit-stop della gara, superando la pole e la curva veloce. Il Che ha fortuna, con Sainz. Che merita questa doppietta, arrivata dopo un ummiliante y un mediocre altro. Che sboccia in primavera. Rosa Rossa, per sancire l’amore ritrovato con i suoi tifosi.
Due. Kevin Magnussen. Un grande. Non di statura, magari, ma di cuore sì. Il buttano giù dal leto e gli dicono che forse potrebbe correre in Formula 1. Come Scarlett Johansson o Jason Momoa (o chi vi pare, certo non io, ecco) ho visto chiamasse dire che magari quell’invito a cena, è valido, lo si potrebbe accettare. Forse eh, dipende dagli impegni vari. La Haas ha invitato Magnussen in Bahrain senza promettergli nulla. K-Mag non si è fatto problemi, si è tolto il pigiamino, Ha arrestato il cugino dell’aria e ha firmato. Regolarmente alla velocità di Schumacher (là là, là Mick, non è che si mancherà Mazepin?), la Haas premium in Q3 e poi nella top-5, non scendendo dal basso al settimo posto in gara, al netto dei pit -Stop. Lui sarà leggerino, ma il piede ha sempre avuto pesante. A Grand Prix così, dopo un anno fuori dalla Formula 1, non è da tutti. E mette un interrogativo: che pilota è Mick Schumacher?
3. la nuova F1. Esordio positivo, senza dubbio. Il nuovo regolamento tecnico sembra aver fatto centro: macchine che non perdono carico se devono inseguire da vicino, DRS che fa il suo lavoro (forse pure troppo), effetto suolo che su queste vetture ponovi problemi. Il tutto si traduce in Gerarchie Mescolate (alvolta rivoluzionate, basti pensare ad Haas, Alfa Romeo e McLaren) e lotto più bella. Verstappen ha avuto tre possibilità di superare Leclerc anche se era meno turbato dal futuro. E per tre giri ha tenuto testa a Ferrari dal ritmo superiore.

F1 | GP del Bahrain 2022, il podio dei bocciati
3. Lance Stroll e Mick Schumacher. Dunque, chi piloti è Schumino? No, perché di Stroll si sapeva già molto, non stiamo parlando di Senna e se non arriva la pioggia a estralo dalla mediocrità, lui lì rimane. Ma da Mick era lecito aspettarsi qualcosa in più. Forse il 2021 gli ha fatto più male che bene: ha studiato concetti che gli devi serviti appena un anno e poi avrebbe dovuto buttare nell’umido; ha corso contro a parvenu che è servito solo ad accrescere la nostra autostima al volante, scarso, che non lo stimolava a migliorarsi. Prega al suo fianco se trova un vero pilota. Che darà risultati alla Haas e ci dirà se Schumi jr. Ha talento e testa per diventare grande.
Due. McLaren. Non mi sono sentito di bocciare la Red Bull perché almeno sulla RB18 le prestazioni ci sono. Dunque ford sul sicuro e diciamo McLaren. Che brutta ruba. Peggior team per distance senza dal primo giorno di test, con problemi all’order del giorno e un pacchetto nato malissimo. Certamente, escludendo i ritiri, gli ultimi sei sono tutti motorizzati Mercedes, e qualcosa vorrà pur dire. mamma porta focenaassenza di carico aerodinamicoproblemi di sottosterzo, l’MCL36 è obsoleto in esso strapiombo Dopo anni di faticosa Risalita.
uno. FIA. “Ciao Lewis. Senti, per noi avresti pure vinto il Mondiale 2021, ma l’abbiamo portato a Verstappen abbiamo fatto una figura di avocado che non vogliamo più organizzare nemmeno la Sagra della pezzata a Isernia. Vicino a capirci. Con effetto, Mohamed“. Con linguaggio più ricercato, calibrando termini e parole, il massimo ente motoristico internazionale ha spernacchiato così Hamilton: “Un errore umano ha fatto sì che non tutte le vetture siano state autorizzate a sdoppiarsi“. Ammettendo dopo mesi di indagini (è la tua cosa, perché?) che la fine di Abu Dhabi è irregolare. Questo non vuol dire che Verstappen e la Red Bull non meritassero il titolo (anzi, hanno le loro ragioni per proteste per quanto accaduto lungo tutto il 2021). Vuol dire, ma, che il campionato è uno status falso. E sappiamo che c’è l’impossibilità di occuparsene, ma non è il modo migliore per iniziare un Mondiale. Vabbè, sperma.

PRENOTAZIONE RIPRODUZIONE

Add Comment