“Non ero convinto che la Juve arrivasse quarta. Delusione Atalanta”

“Tutti dicevano che volevano vincere. La mentalità è quella, sognavano di fare lo sgambetto. Dietro son presto, Roma è 5 punti, Lazio fare filotto, Fiorentina è lì. Juve arriva quarta. Le altre possono fare può tutte filotto”. Sono queste le parole di Marco Parolo che a piazza della domenica nottela sua Dazn, ha tracciato un bilancio della stagione in corso e ha parlato del momento in casa Juve. L’ex centrocampista della Lazio era lo stesso dei fuoriclasse dell’Atalanta, con la rosa di Gasperini che a questo punto della stagione aveva 14 punti in meno (la Dea avrebbe dovuto recuperare il controllo di gara a Torino) rispetto allo scorso anno. “Si è intoppato qualcosa con qualche disgrazia. Gasperini era deluso e in campionato lui altre sono scappate”dice Parolo. Sta invece facendo molto bene la Fiorentina: “Hanno data tutto, si parlava di sentimenti e Firenze si innamora di Italiano: with Vlahovic via, migliorata la media punti”.

salva la galleria

Pirlo meglio di Allegri, Inzaghi peggio di Conte: la differenza punti rispetto al 2020/21

Parolo sulla lotta scudetto

L’opinionista ha dato Dazn affronta anche il tema scudetto: “L’Inter torna ad avere qualche punto percentuale in più. Dopo il Derby d’Italia ha preso energie, ha tanti giocatori ed è una rosa forte. Il blocco mentale era un problema, ora rincorrerli sarà difficile. Inzaghi era arrabbiato, un Per l’uso ha fatto notare alla squadra. Con la Juve è andato tanto dal punto di vista dell’adrenalina, con il Verona ha ritrovato il gioco. L’Inter ha fatto esattamente chiedeva lui, walking uomo contro uomo. ‘Ha fatto esattamente chiedeva lui, walking uomo contro uomo. preparato bene, quando ha tempo per prepararlo, l’Inter ha sempre risposto alla grande’. Napoli Sud: “I giocatori sanno gestire la pressione e interpretarla in modo diverso. C’è qualche mancanza se non lo fanno, ma magari c’è qualche mancanza nell’allenatore o nei giocatori che non hanno esperienza in quella di classifica. Per me c ‘è un Napoli con Anguissa e un altro senza. Parla la Difference nei punti. Quando giochi con Lobotka, Fabian e Zielinski, non hai la stessa intensità. Lui deve giocare sempre. Ha fatto grandi partite a pieno régime, tra Coppa d’Africa e infortuni il Napoli ha perso punti, a volte i giocatori sono funzionali al sistema”.

salva il video

Una poltrona a tre: Milan, Inter e Napoli under e riflettori

Add Comment