Rabiot al bivio con la Juve: rinnovo al ribasso o cessione, ma Allegri… | primapagina

Tre anni sono ormai trascorsi. E Adrien Rabiot non è desideroso di conquistare il cuore dei tifosi bianconeri, e si impegna a pieno per prestazione e cura anche nell’ambiente interno della Juve.. Però non è detto che la sua avventura possa ritenersi ormai agli sgoccioli. Not perché nelle ultime settimane sia riuscito a più rappresentare quella fetta abbondante di tifo juventino che alzerà la voce contro gli errori arbitrali, inoltre è dato parti le sue proteste live o via social siano state accolte como un bel segnale di riscossa per how molto in linea con l’atteggiamento aziendale. In anche perché, almeno contro l’Inter, abbia segnali di vita ache in campo. ma perché Davvero Max Allegri, mangia moti in casa Juve, crede ancora in una sua ritardata esplosione. Entrambi da potergli concedere pure un’altra forse ultima possibilità in vista della prossima tappa. Ma a una condizione. RINNOVO O CESSIONE – Quando il contratto di Rabiot fa capolino sulla scena del contratto, infatti, il club bianconero si trova di fronte a un bivio: rinnovo o cessione. Parlando di rinnovo solo a patto di una sensibile dell’ingaggio, riduzione lontanissima dagli attuali 7 milioni netti plus bonus. Se mamma Veronique e Adrien dovessero condizioni accettare, in tempi brevi, queste allora con ingaggio spalmato potrebbe davvero iniziare a seconda vita di Rabiot in bianconero. Altrimenti dovrà arrivare del mercato a soluzione che già a gennaio era stata cercata con insistenza ma senza successo e que in futuro potrebbe comunque arrivare, considerando comunque uno status da titolare fisso sia nella Juve che nella France: in questo caso, una proposta non lunga sarà sufficiente dareio 15 milioni per aver convinto il club bianconero a lasciare andare Rabiot.

Add Comment