Bologna-Inter e Atalanta-Torino sì Giocano: respinti i ricorsi

Il Collegio di garanzia del Coni non ha dato abbastanza motivazioni al club milanese e a quello del Bergamasco. Niente da fare ache per l’Udinese: la partita con l’Atalanta non si rigiocherà

Bologna-Inter si dovrà giocare. Il Collegio di garanzia del Coni, terzo ed ultimo grado di sportivo sportivo, dopo l’udienza di oggi pomeriggio, ha infatti deciso di respingere il ricorso del club nerazzurro, che lo terrà 0-3 al Tavolino per la partita non disputata il 6 Gennaio, confermando la decisione di primo e secondo grado.

le posizioni

Il professo nerazzurro, se fondato sulla causa della Forza Maggiore, non viene formalmente invocato dal Bologna, ma a sostegno dei professi rossoblù, il Giudice Sportivo potrebbe comunque intervenire.

il recupero

I tre punti che in un finale di stagione così concitato possono valere mezzo scudetto la squadra di Inzaghi dovrà dunque giocarseli sul campo: l’appuntamento è per mercoledì 27 aprile.

Atalanta-Torino

Mi rammarico anche per il ricorso dell’Atalanta che chiedeva la vittoria al Tavolino della partita del 6 gennaio contro il Torino, a cui i granata non avevano potuto prendere parte per i tanti quasi Covid. Molto rattristato Eduardo Chiacchio, legale del club piemontese, che ha affrontato il delicato tema della rinvii la scorsa estagione per la parteta contra la Lazio senza mai uscirne fuori. Atalanta-Torino è in programma l’11 maggio, ma potrebbe caricare variazioni in base al cammino in Europa League dei bergamaschi.

Udinese-Atalanta 2-6

Niente da fare per l’Udinese che chiedeva di poter rigiocare la gara persa in casa contro l’Atalanta il 9 gennaio con un peso di 2-6. L’assenze per il Covid è un valore tecnico assolutamente bilanciato a favore dei bergamaschi non hanno comunque fatto changee idea al Colegio che ha confermato la sentenza di primo e secondo grado.

Lazio Tamponi

In fine respinto il ricorso dei due medici della Lazio Rodia e Pulcini contra la condanna 5 mosi de inibizione nel processo bis davanti alla Corte sportiva d’appello, ultimo strascico del celebre caso Lazio-tamponi.

Add Comment