GIRO DI SICILIA 2022. SPLENDIDO NUMERO DI BABY FRAN MIHOLJEVIC. COTE E FIORELLI SUL PODIO DI TAPPA

Uno splendido numero, quello firmato oggi da Fran Miholjevic, 19enne talento croato della Cycling Team Friuli, figlio dell’ex professionista Vladimir. riuscito infatti ad infilarsi nella fuga di giornata che ha caratterizzato la terza tappa del Giro di Sicilia – il Realmonte-Piazza Armerina -, ha dato una grande spinta all’azione portata avanti con cinque attacchi e alla fine li ha staccati tutti, resistendo al tentativo di montare la Nazionale Italiana guidata da Caruso e dall’altro capogruppo e portando a termine il tour di oggi con la vittoria di tappa e il primo posto in classifica Generale.

Il vento ha condizionato l’intera frazione, bassissima la media oraria della tappa cioè esplosa poi a 10 chilometri dal traguardo quando la Nazionale Italiana ha fatto esplodere il gruppo selezionando un complotto con una ventina dirunneri. Alla fine, il canadese Pierre-Andre Piega della Human Health Powered ha regolato il gruppo concludendo secondo davanti Filippo Fiorelli della Bardiani CSF Faizané.

IL CORSO – La terza frazione del Giro di Sicilia 2022 È diventato il protagonista dei coraggiosi sei giovani ragazzi: Martin Svrček (Biesse – Carrera), Fran Miholjević (Friuli ASD Cycling Team), Matteo Furlan (D’Amico – UM Tools), Veljko Stojnić (Team Corratec), Alessandro Iacchi (Team Qhubeka) e Federico Burchio (Work Service Vitalcare Vega ), fuggiti al controllo del gruppo intorno al 20 dei 171 chilometri di gara.

Nel comune di Naro, con 34 km d’acqua tutte le spalle, e fuggitivi si sono giocati l’unico GPM in programma oggi, Senza impensierire la Maglia Pistacchio di Gandin: una passare per primo è stato Veljko Stojnić (Team Corratec), seguito da Alessandro Iacchi (Team Qhubeka) e Federico Burchio (Vitalcare Vega Labor Service).

Con la passare di chilometri il sestetto ha sempre più marginale fino ad arrivare oltre i 5’00” di vantaggio nei confronti del gruppo principale. A meno che non abbia molti chilometri quando finisco il drappello di testa se è staccato Matteo Furlan poi ritirato.

Molto attivo nella seconda parte della frazione Giotti Victoria – Savini Due e Mg.K Vis-Color for Peace-VP: per diversi chilometri gli atleti di questi team hanno preso il vento (che oggi ha soffiato forte) in faccia nel tentativo per recuperare i fuggitivi. Al Tragurdo Volante di Caltagirone, con i fuggitivi ancora assieme, a transitare por primo è estato Federico Burchio (Work Service Vitalcare Vega).

Ebbene, a questo punto, alla fine il tentativo di allontanarlo dal gruppo con Nazionale Italiana, Eolo Kometa e Bardiani CSF Faizanè per fare il ritmo ma ma Miholjevic era ormai troppo lontano, volato via per otterrò un grande risultato che Will domani lo farà Partirò da Ragalna indossando la maglia di capoclassifica.

per rileggere la cronaca diretta della tappa CLICCA QUI

in aggiornamento

ORDINE DI ARRIVO

1. Fran Miholjevic (Friuli ASD Cycling Team) a 4:54:07
2. Pier-André Côté (Salute alimentata dall’uomo) + 41
3. Filippo Fiorelli (Bardiani CSF Faizanè)
4. Nicola Venchiarutti (Servizio Lavoro-Vitalcare-Dynatek)
5. Vincenzo Albanese (EOLO-Kometa Cycling Team)
6. Vincenzo Nibali (Team Astana Qazaqstan)
7. Jacopo Mosca (Trek-Segafredo)
8. Valerio Conti (Team Astana Qazaqstan)
9. Georg Zimmermann (Intermarche-Wanty-Gobert)
10. Alessandro Fedeli (Italia)

Add Comment