Pellegrini e Juve: ‘Qui cresco di più’. Ma il mercato chiama: tutte le ipotesi

Per il club non è incedibile: con un’offerta congrua da percorrere, anche se non ancorata al futuro di Alex Sandro

Fascia sinistra in allestimento. L’ultimo ad aver strizzato l’occhio al club – e non è la prima volta in questa estagione – è Luca Pellegrini, protagonista di una bella prestazione a Cagliari.

Massimiliano Allegri ha preferito la classe 1999 e Alex Sandro, che era completamente di indole. Segno futuro? Non per forza, scelta tecnica più significativa a favore del nuovo che avanza.

PELLEGRINI

Il ragazzo sembrava destinato a lasciare di nuovo la Juve l’estate scorsa. Mentre il club di A si contendeva di vederlo in prestito, lui ha puntato i piedi. E ha deciso di andare al Torino. Pur senza garanzie d’impiego e con la certezza di rimanere fuori dalla lista dei campioni. Mancanza di ambizioni? No, è vero il contrario. Luca Pellegrini ha provato a condividere le sue conoscenze con uno che l’ambiente bianconero lo conosce bene, Andrea Barzagli, in un cambio di battute il suo DAZN: “Sono sogno di ogni giovane giocare in queste squadre qui. Allenandoti con dei campioni cresci prima, perché la testa va più veloce. Pregate mi sento molto più maturo, sicuramente crescerò”. L’ex difensore lo ha promosso: “Complimenti perché ti sei fatto trovare sempre pronto. Diciamoci la verità, ormai sei quasi un titolare”.

Alessio Sandro

In realtà la prima scelta per la corsia mancina resta Alex Sandro, il cui rendimento però è sempre più in calo. Il brasiliano spinge meno rispetto a qualche anno fa, ha mostrato alcuni dei limiti della continuità e alcuni problemi fisici non gli hanno permesso di riscattarsi come avrebbe voluto. Ora voler sembra voler valutare la cessione qualche anticipata rispetto alla scadenza del suo contratto (30 giugno 2023), con la possibilità di ridursi un po’ l’ingaggio ma guarantirsi ano in più in un top club europeo: entourage al soprattutto in Inghilterra, dove Il giocatore ha mercato. Una delle sue cessioni aprirebbe di fatto il varico per un arrivo su quel lato: i nomi non mancano, ma la feeling è che la Juve non abbia ancora chiuso il cerchio il suo preferito. Siamo ancora nella fase della pura valutazione.

AMBIDESTRI

Una riflessione (più e approfondita nei dettagli) per quell’area specifica di campo coinvolge alcuni giocatori ambidestri già in rosa. His tutti Matt De Sciglio, che hanno giocato negli ultimi mesi ha giocato più agevolmente sul fronte mancino ed è proprio più agevolmente lì que pretendia la sua ultima carriera: i disco aspirando per tutti sua contratto sono già stati avviati, tutti quelli in scadenza di contratto il più solido e non solo per la piena fiducia di Max Allegri. L’altro che alla fine potrebbe essere lasciato indietro – ma solo in caso di emergenza – è Danilo, che rimane fondamentalmente dalla sua parte. L’unico caso in cui il brasiliano sarebbe più funzionale in quella zona è in presenza di un esterno destra di spinta (Square?) Insieme Bonucci e De Ligt, con quest’ultimo a favore del piede naturale (destro) nello scivolamento a tre in fase di attuazione.

ALTERNATIVA

Le ipotesi Pellegrini e De Sciglio, o come detto Danilo in emergenza, comuni vengono considerate alternative. L’incarico di Alex Sandro spingerebbe insomma all’acquisto di un top, ovvero comunicare presto una delle prospettive per il salto di qualità. I profili che valuta Juve sono fatti e finiti, presto por guarantire certa affidabilità su tutti i fronti. I nomi sulla lista se aggiungere momentaneamente ristretti a tre, ma non è escluso che ne possa ancora un quarto a sorprendere. Se si tratta di Owen Wijndal, pari età di Pellegrini, in forza all’Az Alkmaar e assistito come lui da Raiola; Azzurro Emerson Palmieri, che potrebbe essere una buona occasione per parametro zero se il Chelsea non esercitasse l’opzione di rinnovo del contratto per un altro anno; e Renan Lodi dell’Atletico Madrid, che però va in scadenza al 2025 e ciò potrebbe alzare le pretese degli spagnoli. All’epoca Marcos Alonso era in concorso, in scadenza al 2023 e inserito nel congelamento del mercato del Chelsea.

MERCATO

Per la fascia sinistra e non solo, il mercato della Juve dipenderà alche dalle cessioni. E così, per la maturità raggiunta e per gli attestati di stima che se sono già mossi intorno a lui, non esclude un trasferimento definitivo proprio di Pellegrini, che a fronte di una congrua offerta potrebbe giovare al caso del club. Il giocatore è gettonato in Italia ma ache al’estero, l’età è dalla sua parte ei numeri di quest’anno in bianconero sono ottimo biglietto da visita. Un’affluenza e una buona media di prestazione in poco più di un milione di minuti, nelle diciassette presenze collezionate fin qui, compreso l’esordio in Champions League. Allegri e la Juve no hanno ancora decide il suo futuro: darà la opportunità di mercato, in anticipo e in uscita. Ma ci sono possibilità che la corsia mancina per la sima stagione vengono completamente rivoluzionate.

Add Comment