Villeneuve poppa Aston Martin: “Non è una marca di orologi” – Formula 1

Il Gran Premio d’Australia ha meso in evidenza un weekend al limite del tragicomico per l’Aston Martin e per i propri piloti, Sebastian Vettel e Lance Stroll, protagonisti dell’imprevisto proseguimento, incidenti, sanzioni e sanzioni dalla vendita dell’indagine multa alla domenica di gara. Circostanze grottesche che non sono passate inosservate ad un ex-pilota di F1 come Jacques Villeneuve. Il canadese, campione del mondo 1997, se era infatti soffermato la sua particolare tematica questa nella propria rubrica la sua formula1.nlnon risparmiando commenti tanto obiettivi quanto duri sull’operato del team di Silverstone e dei piloti quel di Melbourne.

Per quanto riguarda l’ultima domanda, il figlio di Gilles era concentrato in modo particolare sul proprio connazionale Stroll, suo padre era: “E’ stato semplicemente imbarazzante – ha commentato l’ex pilota della Williams – Ed ha anche incolpato la traccia, che è la più strana di sempre a causa di un incidente. È chiaro che Vettel non si sta divertendo e preferirei restare a casa. In Ferrari aveva fatto errori, ma questi non corrispondenti davvero alla sua statura. Nessun telaio è andato perso, ma da un punto di vista tecnico-pubblicitario sono grandi colpi. Agli sponsor questo non piace, oltre al costo dei danni per i punti persi. Il comando ora è: cosa farà il grande capo Lawrence Stroll? Ci vuole più del naro per gestire una squadra: Non è una catena di abbigliamento o un segno d’oro soprattutto, è molto complicato, quando si gestisce una squadra per tuo figlio. Anche l’atmosfera in fabbrica deve essere terribile; Non hanno costruito una macchina paragonabile a una Williams o una Haas, solo che sono fatte con meno budget”.

VET | Alessandro Prada

PRENOTAZIONE RIPRODUZIONE

Add Comment