I dubbi di Wurz: “Dove finire i soldi delle mute?” – Piloti F1 – Formula 1

Con il divertente episodio che ha trasformato in un vero e proprio incubo il primo weekend di festa di Sebastian Vettel 2022, ho visto uno stato dovuto al circo specifico che ha riempito direttamente il portfolio del pilota: durante il periodo di pausa successivo alla prima e alla seconda sessione di prove libere, dove l’arbitro Aston Martin non ha partecipato a causa di un buon precedente tecnico, il numero 5 ha fatto un giro in foca ad uno scooter per salutare il pubblico di Melbourne, ricevendo 5000 euro di multa a vederlo fatto in un momento in cui l’accesso alla pista non era autorizzato. Successivamente, negli istant conclusivi della Q3, il quattro volte iridato ha dovuto pagare altri 600 euro di sanzione, questo giro per aver superato il limite di velocità in pit-lane.

Lo stesso Vettel non ha volontariamente protestato eccessivamente per la multa a lui comminata, ma la decisione della Direzione Gara non è del tutto piaciuta ad Alexander Wurz, Presidente dell’Associazione Piloti del Gran Premio. Il massimo rappresentante dei piloti, intervistato da ORFnon infatti che queste siano le giuste punizioni per i partecipanti, proponendo una sentenza alternativa, a suo dire più efficace: “Nessuno può far nulla con delle multe pecuniarie – commentò l’austriaco – sarebbe molto meglio, invece, se il pilota in questione partecipasse ad un Corso di formazione sulla sicurezza nei kartodromi, trascorrendo magari un giorno accanto ai giovani. Molti sono che i piloti di F1 hanno a disposizione grosse somme di denaro, ma non è sempre così. Parecchi di loro continuavano a pagare ea costare la categoria minore e, in questo caso, sono venuto a sborsate encifre che non sono reale nella vita di tutti i giorni”.

A parte questo, lo stesso Wurz ha inoltre posto l’accento su dove finire i soldi pagoti dai piloti per le fine, la destinazione è un’ancora sconosciuta: Be sapessimo cosa accade con quel denaro saremmo tutti più tranquilli – ha aggiunto l’autore di 3 podi in F1 – So di aver reinvestito saggiamente, magari nella sicurezza del motorsport o in altre iniziative benefiche, ci starebbe bene. Nessuno di noi, dai piloti alla GPDA, effettivamente succede cosa con quei soldi. Speriamo di poter ottenere chiarimenti dal nuovo Presidente della FIA, Mohammed Ben Sulayem”.

VET | Alessandro Prada

PRENOTAZIONE RIPRODUZIONE

Add Comment