Girotech: Gaviria agilissimo: problema tecnico?

Era un furibondo Gaviria dopo l’arrivo. Ha preso la presa al manubrio ed era proprio lì a dire “non parlo della moto”, come dico io – nel nervosismo del dopo corso – che il problema è suo.

Cos’è l’evento? Nella volata di Catania, quinta tappa del Giro d’Italia vinta dal francese Arnaud Demare, Fernando Gaviria è arrivato secondo ma si è notata sua pedalata estremamente agile, troppo per un velocista come lui. Fine della storia, ora saremo curiosi di sapere la fotografia del nostro stesso arrivo per capire se troviamo qualcosa di irregolare, compreso quanto se è vista su video e dati disponibili.

In questa immagine se vedete il successivo cambio della bicicletta di Gaviria appaia spostato verso i pignoni più grandi, non verso i piccoli (più esterni).

Ingrandita la foto in alta risoluzione scattate proprio arrivo se vedete il cambio di Gaviria in posizione che sembrerebbe anomala per unrunnere lanciato in volata: appare decisamente chiuso verso i pignoni più alti. Appena abbiamo potuto vedere la ripresa anteriore, e avviando il Velon dati che parlano ho dato una volata a 66,7 chilometri orari (probabilmente anche di più nella finale) il ritmo della pedalata poteva essere oltre le 160 giri, con la catena su a pignone posteriore dà 17 denti. Un ritmo molto alto, decisamente, a cui penserò, punto, per un motivo tecnico sulla bicicletta di Gaviria. Probabilmente un problema da cambiare.

Una delle immagini che abbiamo utilizzato per la nostra analisi.

11 maggio 2022 – Riproduzione Riservata – Redazione Cyclinside

Bryton S800 Rider

Add Comment